Il programma dei primi 100 giorni di presidenza Trump

Il candidato Repubblicano l'ha diffuso ieri alla stampa e presentato in un discorso che voleva essere solenne: non è andata proprio così

( JAY LAPRETE/AFP/Getty Images)

Il candidato Repubblicano alla presidenza americana Donald Trump ha tenuto un atteso discorso programmatico a Gettysburg, in Pennsylvania, in cui ha elencato i provvedimenti che prenderebbe nei primi 100 giorni del suo incarico nel caso venisse eletto presidente. In un programma chiamato “Contratto con l’elettore americano”, Trump ha ampliato e precisato alcune proposte già avanzate in campagna elettorale, come la deportazione degli immigrati irregolari “criminali” e una politica economica nettamente protezionista, ma nella prima parte del suo discorso ha ripetuto la pesante e infondata accusa secondo cui le elezioni saranno truccate, e ha minacciato di fare causa alle donne che lo hanno accusato di violenza sessuale. Comprensibilmente, i giornali si sono concentrati sulla prima parte del discorso, lasciando in secondo piano la parte “programmatica”.

L’obbiettivo di Trump era probabilmente quello di dare ai giornali di positivo di cui parlare, dopo alcuni giorni in cui si è discusso quasi solo di quanto è andato male all’ultimo dibattito tv e di come è indietro in tutti i principali sondaggi nazionali. Anche la scelta del luogo è stata significativa: Trump ha parlato in un centro conferenze non distante dal luogo della battaglia di Gettysburg, che fu una delle più sanguinose della guerra civile americana ma è nota anche per un importante discorso pronunciato da Abraham Lincoln sulla futura riconciliazione del popolo americano. Per un politico americano, tenere un discorso a Gettysburg significa tentare di evocare un’atmosfera solenne e presidenziale, proprio per il legame di quel posto ad avvenimenti così noti.

Trump non ci è riuscito, diciamo: tutti gli articoli pubblicati dai principali giornali parlano principalmente della prima parte del suo discorso, lasciando poco spazio alla parte “politica” (che comunque non contiene nulla di rivoluzionario). Trump ha nuovamente chiamato “bugiarde” le donne che lo hanno accusato di molestie, ha definito i giornali istituzionali “disonesti” e in generale ha usato gli stessi toni duri dell’ultima fase della campagna elettorale, che secondo molti lo hanno allontanato ancora di più dalla base e dalla dirigenza del suo partito.

La parte programmatica, invece, contiene diverse misure tipiche di un politico piuttosto di destra e isolazionista. Scrive il Washington Post:

In giugno, Trump fece un discorso simile elencando otto proposte: nomina di giudici che difenderanno la Costituzione, modifica del sistema di accoglienza per proteggere i lavoratori americani, modifica dei rapporti coi paesi che beneficiano di accordi commerciali troppo favorevoli, interruzione della delocalizzazione delle aziende, abolizione delle restrizioni sulla produzione energetica, abolizione della riforma sanitaria di Obama, una nuova riforma fiscale e nuove regole “etiche” per la carica di Segretario di stato. Nel discorso di sabato, Trump ha aggiunto un’altra ventina di cose, fra cui cambiare la Costituzione per introdurre dei limiti al Congresso, rinegoziare l’accordo commerciale soprannominato NAFTA e altri accordi simili, e l’abrogazione di “ogni atto esecutivo o provvedimento incostituzionale approvato dal presidente Obama” e sospendere l’immigrazione da “regioni con un problema di terrorismo”.

In un comunicato stampa separato, Trump ha aggiunto i provvedimenti che prenderebbe nel primo giorno da presidente: fra le altre cose ci sono un divieto di nuove assunzioni per il governo federale, lo spostamento di fondi dai programmi dell’ONU contro il cambiamento climatico per misure ambientali sul territorio americano, e l’avvio della deportazione di due milioni di “immigrati irregolari criminali”.

Il momento di difficoltà di Trump è ben visibile sia dagli ultimi sondaggi – che lo danno indietro sia a livello nazionale sia nella maggior parte degli stati chiave per vincere le elezioni – ma anche dai guai quasi giornalieri che la sua campagna deve affrontare. Ieri ad esempio, quasi in contemporanea con il discorso a Gettysburg, si è fatta avanti l’undicesima donna che racconta di aver subito molestie sessuali da Trump. È l’attrice porno Jessica Drake, che ha raccontato che nel 2006 Trump la baciò senza il suo consenso e che le offrì 10mila dollari per fargli compagnia in una stanza d’albergo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.