Il sindaco di Albuquerque Richard Berry pranza con alcuni mendicanti che partecipano al programma There's a Better Way
  • Mondo
  • lunedì 26 Settembre 2016

L’esperimento di Albuquerque per dare lavoro ai mendicanti

È attivo da quasi un anno per iniziativa di un sindaco Repubblicano, prevede lavori giornalieri per pulire la città e ha dato buoni risultati

di Colby Itkowitz – The Washington Post
Il sindaco di Albuquerque Richard Berry pranza con alcuni mendicanti che partecipano al programma There's a Better Way

Lo scorso anno, mentre stava guidando nella sua città, Richard Berry, il sindaco Repubblicano di Albuquerque, in New Mexico, vide un uomo all’angolo di una strada con in mano un cartello che diceva: «Voglio un lavoro. Qualsiasi cosa è d’aiuto». Durante la sua amministrazione, come parte di un’iniziativa per mettere in contatto i senzatetto di Albuquerque con i servizi di cui hanno bisogno, Berry aveva iniziato a guidare per la città per discutere con i mendicanti della loro vita. Gli abitanti più poveri di Albuquerque gli raccontavano che non chiedevano soldi per strada per scelta, ma che non sapevano dove altro andare. Vedendo il cartello, a Berry venne un’idea. Invece di chiedere ai mendicanti di cercarsi un lavoro, visto che in molti i casi si sentivano troppo scoraggiati per farlo, sarebbe stata la città a portare il lavoro da loro.

Il mese prossimo sarà il primo anniversario del programma di Albuquerque There’s a Better Way, grazie al quale i mendicanti della città vengono assunti per lavori giornalieri in cui si occupano del decoro pubblico. Il programma è svolto in collaborazione con un’organizzazione non-profit locale che si occupa di senzatetto e mette a disposizione un furgone che gira la città in cerca dei mendicanti interessati a lavorare. La paga è di 9 dollari all’ora, più del salario minimo, e ai mendicanti viene fornito il pranzo. Alla fine del turno di lavoro viene offerto un posto dove passare la notte, a seconda della necessità. A meno di un anno dal suo inizio, il programma ha fornito 932 lavori, in cui sono stati raccolti 31.570 chili di rifiuti e erbacce da 196 isolati di Albuquerque. Oltre 100 persone, inoltre, hanno trovato un’occupazione fissa. «Si riesce a capire la spirale che ha fatto finire queste persone agli angoli della strada. A volte hanno bisogno di un piccolo stimolo per fermare questa spirale negativa, per riuscire a respirare un po’: è una cosa eccezionale», ha detto Berry in un’intervista. «Per un giorno hanno la dignità di un lavoro. Per un giorno c’è stato qualcuno che ha creduto in loro».

L’iniziativa di Berry si discosta dal movimento per criminalizzare l’elemosina negli Stati Uniti. Un recente rapporto del National Law Center on Homelessness & Poverty, un’organizzazione non-profit di Washington, ha evidenziato un aumento notevole di questa tendenza, con il 24 per cento delle città americane che vietano del tutto l’elemosina, e il 76 per cento che la vieta in determinate zone della città. Negli Stati Uniti c’è la diffusa e persistente opinione che le persone che chiedono l’elemosina siano tossicodipendenti o troppo pigri per lavorare, e che cerchino la via semplice della carità. Le cose, però, non stanno necessariamente così. Fare l’elemosina non è un’attività particolarmente redditizia ed è demoralizzante. Per alcune persone, tuttavia, può sembrare l’unica opzione. Quando sono stati avvicinati con un’offerta di lavoro, la maggior parte dei mendicanti di Albuquerque si è dimostrata desiderosa di avere l’opportunità di guadagnare dei soldi, ha raccontato Berry: avevano solo bisogno di un passaggio. Un uomo ha raccontato a Berry che erano 25 anni che non si sentiva dire una parola gentile.

Kellie Tillerson, responsabile dei servizi del lavoro del St. Martin’s Hospitality Center, l’organizzazione che facilita il programma di Albuquerque, ha detto che il modo per far sì che le persone smettano di associare i mendicanti a cose negative è fare come il sindaco e coinvolgerli a livello umano. «Chiedere loro perché si trovano in quella situazione», ha detto Tillerson. «Molti di loro hanno problemi di salute, non hanno documenti adeguati – senza i quali non si può ottenere un lavoro – e non hanno la tessera di previdenza sociale. Queste piccole cose che noi diamo per scontate impediscono alle persone di trovare un lavoro. Non date per scontato che siano pigre».

albuquerque-programma-mendicanti
Alcuni mendicanti di Albuquerque al lavoro nel quadro del programma There’s a Better Way (City of Albuquerque Mayor’s Office)

Il programma dà lavoro a dieci persone al giorno, che però potrebbero essere di più senza difficoltà. Quando il furgone che gira per raccoglierle in città è pieno, le persone implorano di avere un posto per la volta dopo, ha raccontato Tillerson. Per questo motivo Albuquerque ha aumentato i finanziamenti al programma in modo da ampliarlo da due a quattro giorni alla settimana. Anche St. Martin’s ha deciso di avviare il proprio programma per il lavoro, mettendo in collegamento disoccupati e datori di lavoro locali che potrebbero offrire loro un lavoro. Tillerson ha detto che molte delle persone che salgono sul furgone non erano a conoscenza di tutti i servizi di cui avrebbero potuto usufruire. Un uomo che era uscito da poco di prigione è ritornato al St. Martin’s il giorno dopo aver fatto uno dei lavori del programma: è stato inserito nel programma per i lavori giornalieri, è stato informato dei servizi per la salute comportamentale di cui poteva usufruire e sta ricevendo assistenza per ottenere un documento d’identità. «Ora ha un sistema di sostegno di cui non sapeva di avere bisogno e che sicuramente non sapeva esistesse», ha detto Tillerson.«È una cosa che cambia la vita di queste persone. Quest’uomo ha detto: “Preferisco guadagnarmi i soldi da solo che prendere l’elemosina da qualcuno”».

Decine di città negli Stati Uniti hanno contattato Berry perché volevano imitare il suo programma: un riconoscimento – ha detto Berry – del lavoro che i sindaci svolgono a prescindere del partito politico a cui appartengono. Berry è stato il primo sindaco Repubblicano eletto ad Albuquerque negli ultimi trent’anni, e sta affrontando attivamente il problema dei senzatetto. Il suo programma non ha tolto dalla strada tutti i mendicanti. Secondo i sostenitori del programma l’obiettivo non è questo, ma mettere in collegamento ai servizi di cui hanno bisogno persone che altrimenti non cercherebbero aiuto, e mostrare loro nel momento più basso che valgono davvero, e che ci sono persone disposte a dimostrare di avere la gentilezza di aiutarli ad avere una vita migliore. «Il programma sta aiutando centinaia di persone», ha detto Berry. «E la nostra città non è mai stata così bella».

© 2016 – The Washington Post