Il capo del Bahujan Samaj Party Mayawati durante un comizio ad Allahabad, nello stato indiano dell'Uttar Pradesh, il 4 settembre 2016 (SANJAY KANOJIA/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • sabato 24 Settembre 2016

I voti contesi dei paria in India

L'anno prossimo si vota nello stato più popoloso, l'Uttar Pradesh, e la campagna elettorale gira attorno alla casta più bassa e maltrattata

di Iain Marlow e Bibhudatta Pradhan – Bloomberg
Il capo del Bahujan Samaj Party Mayawati durante un comizio ad Allahabad, nello stato indiano dell'Uttar Pradesh, il 4 settembre 2016 (SANJAY KANOJIA/AFP/Getty Images)

In un piccolo villaggio vicino al Gange, nella profonda campagna dello stato indiano dell‘Uttar Pradesh, un attacco a una ragazzina di 13 anni e a suo padre esemplifica bene le difficoltà che il primo ministro dell’India Narendra Modi dovrà affrontare in vista delle elezioni nel più popoloso stato indiano.

Sudha e suo padre Charan Singh, che ha 50 anni e coltiva un campo di canne da zucchero da circa 4.000 metri quadrati, occupano il gradino più basso della casta indiana: sono dei dailt, o paria, in passato definiti gli “intoccabili”. Nell’Uttar Pradesh sono più di 41 milioni, circa un quinto della popolazione dello stato a nord dell’India. Sudha ha raccontato che quando in un pomeriggio d’agosto era andata a bere a una fontanella di un tempio induista locale, un prete le aveva urlato contro dicendole che inquinava l’acqua e le aveva dato uno schiaffo in faccia. Quando Sudha era corsa da suo padre, il prete l’aveva seguita con un tridente di un metro e mezzo, uno dei simboli della divinità induista Shiva. Con l’aiuto di un complice, il prete ha pugnalato ripetutamente il contadino con il tridente e l’ha picchiato fino a fargli perdere conoscenza, ha raccontato Singh mostrando le cicatrici sulla schiena. La polizia locale, che ha confermato l’episodio, ha messo sotto accusa e incarcerato i due uomini per aver violato la legge che si occupa di reati contro i gruppi più svantaggiati, e ha detto che i due uomini, oggi in attesa del processo, hanno confessato. Questo è solo un esempio del recente aumento delle violenze nell’Uttar Pradesh.

Il Partito Popolare Indiano (Bharatiya Janata Party, BJP) del primo ministro Modi sta cercando di ottenere i voti dei dalit per vincere le elezioni legislative nell’Uttar Pradesh. Una vittoria darebbe a Modi maggiore slancio per spingere sul suo programma economico a livello nazionale. Il voto in Uttar Pradesh, in programma per l’inizio dell’anno prossimo, è il più importante di una serie di elezioni statali che si terranno nel 2017 in India. Con una vittoria, Modi avrebbe un governo amico nello stato e rafforzerebbe la posizione del BJP nella Camera alta del parlamento indiano dominata dall’opposizione, dove sono state bloccate alcune leggi fondamentali, aumentando inoltre le possibilità di una sua rielezione nel 2019.

Nonostante alle elezioni nazionali del 2014 il BJP abbia stravinto, per ottenere i voti dei dalit Modi dovrà lottare contro molti partiti fondati sulle caste, in uno stato in cui la casta è ancora il fattore più importante per gli elettori. Singh, che due anni fa votò per il BJP, ha detto che questa volta sosterrà il partito Bahujan Samaj (BSP) guidato da Mayawati, la più influente politica dalit dell’India e quattro volte capo dei ministri dell’Uttar Pradesh. Mayawati, che si fa chiamare per nome, ha accusato Modi e il BJP di aver abbandonato i dalit. Anche vicini di Singh nel villaggio dicono di aver perso la fiducia in Modi e che voteranno per il BSP. «Quando tutto il mondo inneggiava a Modi, noi non potevamo essere lasciati indietro. Volevamo lo sviluppo», ha detto Singh. «Ma non è cambiato niente. Siamo delusi». Il BJP è considerato il partito delle caste superiori e dell’élite imprenditoriale urbana, ed è la naturale casa politica degli estremisti indù, che hanno causato problemi di immagine a Modi attaccando i musulmani e altri indù di caste inferiori.

Vigilanti delle mucche

Nel Gujarat, lo stato natale di Modi, i cosiddetti “vigilanti delle mucche” hanno diffuso un video in cui vengono ripresi mentre picchiano dei dalit che avevano scuoiato una mucca morta. Gli indù considerano le mucche sacre, e i politici del BJP hanno invitato le persone a trattarle come farebbero con le loro madri. Quando una mucca muore, i dalit invece si sbarazzano del corpo e si guadagnano da vivere vendendo la pelle e altri parti dell’animale. Gli attacchi hanno provocato proteste diffuse da parte dei dalit, che hanno portato alle dimissioni del capo dei ministri dello stato, un membro del BJP. Dopo gli attacchi, il BJP ha cercato di allentare le tensioni. Modi ha detto: «Se volete attaccare qualcuno, attaccate me, e non i dalit».

Questi tentativi saranno fondamentali in Uttar Pradesh. I leader del BJP, tra cui il presidente del partito Amit Shah, si sono seduti a gambe incrociate per terra e hanno mangiato con famiglie dalit, una cosa considerata un tabù da molti indù delle caste più alte. I leader del partito hanno anche celebrato l’eredità politica dell’ex capo dei dalit B.R. Ambedkar, l'”architetto” della costituzione indiana, e favorito l’accesso dei dalit nei tempi indù.

Ultimi sondaggi

Alle ultime elezioni nazionali, il BJP vinse con ampio margine in Uttar Pradesh, ottenendo il 24 per cento dei voti dei dalit a livello nazionale, più di ogni altro singolo partito. Non è chiaro se Modi sarà in grado di replicare questo risultato a livello statale. Stando a un recente sondaggio del Centre for the Study of Developing Societies di Delhi, il partito al governo in Uttar Pradesh, Samajwadi, è davanti al BJP. Secondo il sondaggio, svolto a luglio e agosto, nessun partito otterrà una maggioranza netta, ha raccontato Saurabh Mukherjea, CEO responsabile delle azioni ordinarie istituzionali di Ambit Capital Pvt. «I dalit che alle elezioni politiche del 2014 hanno sostenuto il BJP ora sembrano tornati al BSP di Mayawati», ha scritto Mukherjea in una nota a uno studio il 25 agosto. «La mancanza di un candidato a capo ministro del BJP sta danneggiando il partito, che difficilmente sarà in grado di ripetere il successo delle elezioni politiche del 2014».

Per il governo di Modi, questa elezione sarà vista come un importante test di metà mandato, ha detto Richard M. Rossow, presidente dello U.S. India Policy Studies al Center for Strategic and International Studies di Washington. «Ci sono grosse aspettative perché il BJP riprenda l’Uttar Pradesh dal Samajwadi. Se non ci riuscisse, gli esperti inizieranno a parlare della morte del partito».

Nella città di Aligarh, dove le strade piene di buche sono intasate da carri trainati da buoi, di recente i leader locali del BJP hanno tenuto un raduno di motociclisti. I sostenitori del BJP, con bandiere indiane e del partito su bastoni di bambù, si sono radunati intorno a un leader locale del BJP e gli hanno lanciato petali di rosa. L’organizzatore del raduno, Jai Thakur, membro del BJP, ha detto che il partito sta cercando di ottenere il sostegno dei dalit e ha ribadito che il partito di Mayawati non è stato in grado di fermare gli attacchi nei loro confronti e non ha fatto niente durante i quattro mandati al potere nello stato per migliorare le infrastrutture locali. Thakur ha detto che anche gli yadav – la casta predominante in Uttar Pradesh, una delle cosiddette “altre classi svantaggiate”, che rappresenta circa metà della popolazione dello stato – e i musulmani sono stufi (in passato, sia gli yadav che i musulmani hanno votato in maggioranza per Samajwadi). «Nonostante gli altri partiti stiano usando i dalit come blocco elettorale, le loro condizioni non sono migliorate», ha detto Thakur.

Diwakar Shukla, un 29enne presente al raduno, ha detto che i tentativi di Modi hanno avuto presa sui giovani delle zone rurali. «I piccoli partiti regionali che hanno governato lo stato per decenni non hanno creato strade, reti elettriche, posti di lavoro o nessun’altra cosa per i giovani».

La campagna elettorale del BSP

Sopra un negozio demolito in una piccola città nel distretto rurale di Sambhal, in Uttar Pradesh, il BSP di Mayawati è al lavoro per evitare la vittoria di Modi nello stato. Nonostante non abbia ottenuto un solo seggio nelle ultime elezioni nazionali, il BSP ha ricevuto quasi il 20 per cento dei voti in Uttar Pradesh. Pratap Singh, un leader locale del partito, ha detto che il BSP punta a ottenere i voti dei dalit nello stato promettendo loro moltissimi vantaggi. «Solo le grandi società traggono vantaggi dalle politiche di Modi, non certo i poveri», ha detto Singh. «I suoi tentativi di ottenere i voti dei dalit non sono sul territorio». Secondo il National Crime Records Bureau indiano, l’Uttar Pradesh è il primo stato indiano per il numero di violenze contro i dalit. Nel 2015 ci sono stati 8.358 attacchi contro di loro, in aumento rispetto ai 8.075 del 2014. In tutta l’India, nel 2015 ci sono stati 44.941 attacchi contro i dalit. «Sappiamo che Modi parla di fermare gli attacchi. Ma quelli del BJP non vengono qui», ha detto Singh, il padre di Sudha, la cui famiglia guadagna meno di due euro al giorno. Almeno nel loro piccolo villaggio una piccola presenza del BJP c’è: su un muro bianco del tempio indù in cui il prete ha schiaffeggiato Sudha, c’è un manifesto sbiadito del BJP del 2014, con un’immagine di Modi che sorride e saluta con la mano.

© 2016 – Bloomberg