• Italia
  • giovedì 22 settembre 2016

Sciopero Alitalia, le cose da sapere

Riguarda piloti e personale di bordo: durerà fino a fine giornata e sono stati cancellati circa 200 voli

(AP Photo/Gregorio Borgia)

È in corso da questa mattina a mezzanotte uno sciopero dei piloti e del personale di bordo di Alitalia aderente ai sindacati ANPAV, ANPAC e USB, che durerà tutta la giornata: l’azienda ha cancellato oltre 200 voli che erano previsti per oggi – di cui 150 all’aeroporto di Roma Fiumicino – ma i disagi per i passeggeri finora sono stati contenuti, grazie a un piano straordinario di Alitalia e di ADR (la società che gestisce l’aeroporto di Fiumicino), con personale aggiuntivo per assistere i viaggiatori.

I passeggeri coinvolti dallo sciopero sono circa 26 mila: al 70 per cento di loro, dice Alitalia, è stata garantita una soluzione alternativa per il viaggio, che nella maggior parte dei casi prevede la partenza oggi stesso. Durante la prima fascia di garanzia prevista dallo sciopero, dalle 7 alle 10 di stamattina, sono partiti 153 voli; la seconda è prevista dalle 18 alle 21.

Oltre alla possibilità di essere imbarcati su un volo diverso, Alitalia ha previsto la possibilità per i viaggiatori di chiedere il rimborso o la variazione del proprio volo fino al 30 novembre, senza costi aggiuntivi. Per informazioni la compagnia ha inoltre messo a disposizione due servizi telefonici: dall’Italia il numero verde gratuito 800 650 055, dall’estero il numero +39 06 65649.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.