(Christine Pettinger/Getty Images)
  • Cultura
  • venerdì 9 settembre 2016

Le foto di giovedì a Venezia

È stato il giorno di Jean-Paul Belmondo, premiato con il Leone d’oro alla carriera, e sono state molto fotografate Lily Rose-Depp, Sophie Marceau e (ancora) Natalie Portman

(Christine Pettinger/Getty Images)

Siamo arrivati agli ultimi giorni del festival di Venezia, che finirà domani 10 settembre con la premiazione del Leone d’oro: ieri è stato il giorno dell’attore francese Jean-Paul Belmondo, premiato nel pomeriggio con il Leone d’oro alla carriera. Lo accompagnava l’attrice francese Sophie Marceau.

Tra le proiezioni dei film in concorso, ieri è stata la sera di Paradise, del regista Andrei Konchalovsky e con l’attrice Julia Vysotskaya: racconta la storia di Olga, un’aristocratica russa e membro della Resistenza francese che nasconde dei bambini ebrei durante la Seconda guerra mondiale. Per questo motivo viene prima arrestata e poi mandata in un campo di concentramento, dove inizia una relazione complicata con un suo vecchio spasimante, diventato nel frattempo un ufficiale delle SS. È stato presentato anche il film italiano Questi giorni, di Giuseppe Piccioni e con Margherita Buy, Marta Gastini, Laura Adriani, Maria Roveran, Caterina Le Casella e Filippo Timi, tra agli altri: parla di quattro amiche che accompagnano una di loro a Belgrado e di quello che succede durante il loro viaggio. La proiezione più fotografata è stata però quella di Planetarium, il film fuori concorso della regista Rebecca Zlotowski con Lily Rose-Depp e Natalie Portman, che sempre a Venezia aveva già presentato Jackie.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.