Natalie Portman e il regista Pablo Larrain alla prima di "Jackie" al festival del cinema di Venezia (Ian Gavan/Getty Images)
  • Cultura
  • giovedì 8 settembre 2016

Le foto di mercoledì a Venezia

È arrivata Natalie Portman per "Jackie", c'erano anche Matilde Gioli e Carmen Chaplin

Natalie Portman e il regista Pablo Larrain alla prima di "Jackie" al festival del cinema di Venezia (Ian Gavan/Getty Images)

Jackie, un film diretto dal cileno Pablo Larraín su Jackie Kennedy, interpretata da Natalie Portman, è stato il film più importante presentato mercoledì al festival del cinema di Venezia. Alla prima c’erano sia il regista che Portman, insieme a molti altri attori e ospiti, italiani e non: Matilde Gioli, Carmen Chaplin, Amanda Sandrelli e il cantante Osvaldo Supino. Il film racconta i giorni di Jackie Kennedy subito dopo l’uccisione del marito, il presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy, a Dallas, in Texas, nel 1963, e fanno parte del cast anche Peter Sarsgaard, Greta Gerwig e John Hurt. C’è stata anche la prima di Voyage Of Time: Life’s Journey, il nuovo film di Terrence Malick, che in 90 minuti riassume la storia dell’universo narrata dalla voce fuori campo di Cate Blanchett, e che non è piaciuto molto alla critica.

È stato presentato fuori concorso anche The Journey, diretto da Nick Hamm, con Timothy Spall, Colm Meaney, Freddie Highmore e anche qui John Hurt, sul tentativo di stringere un accordo di pace tra fazioni rivali in Irlanda del Nord. Tra i film italiani, sempre fuori concorso, sono stati proiettati Liberami di Federica Di Giacomo, sull’esorcismo ai giorni nostri, e Robinù, un documentario di Michele Santoro sugli adolescenti napoletani e la Camorra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.