WhatsApp condividerà i dati degli utenti con Facebook

Numeri di telefono e liste di amici, per esempio: per migliorare il servizio e vendere meglio la pubblicità

WhatsApp, la popolare app per mandarsi messaggi, ha annunciato che comincerà a condividere i dati e le informazioni sui suoi utenti con Facebook, la società che gestisce l’omonimo social network e che ha comprato WhatsApp nel febbraio 2014. Il cambiamento è riflesso in un aggiornamento dei “termini di servizio” e dell'”informativa sulla privacy” di WhatsApp, i due documenti principali che regolano i rapporti tra WhatsApp e i suoi utenti: a ogni utente verrà chiesto di approvare le nuove condizioni di servizio in modo che WhatsApp possa cominciare a condividere i dati con Facebook. Altri cambiamenti dei termini di contratto riguardano la cosiddetta “crittografia end-to-end” e altre novità recenti di WhatsApp.

La condivisione dei dati con Facebook è una questione abbastanza grossa: implica che due società diverse, per quanto una appartenga all’altra, si scambino dati sensibili sui loro utenti per migliorare il loro servizio. Facebook, per esempio, potrà avere accesso alle liste di amici e contatti di WhatsApp e usare queste informazioni per suggerire nuovi amici ai suoi utenti e targettizzare meglio la sua pubblicità o offrire nuovi servizi alle aziende (per esempio la possibilità di avvertire più tempestivamente i suoi clienti di qualche novità). Facebook, inoltre, potrà avere accesso al numero di telefono usato da ogni utente per registrarsi su WhatsApp e a informazioni sull’utilizzo dell’app (per esempio l’ultima volta che si è eseguito l’accesso). La condivisione dei dati non segue comunque nessun cambiamento a livello organizzativo o societario: Facebook e WhatsApp continueranno per tutti gli altri aspetti a essere gestite in modo autonomo e separato e WhatsApp continuerà a non vendere pubblicità come fatto fin qui.

Sul suo sito, WhatsApp ha spiegato inoltre che la condivisione dei dati non riguarderà il contenuto delle conversazioni di ogni utente su WhatsApp e che la crittografia end-to-end introdotta qualche mese fa renderà comunque tutte le conversazioni inaccessibili sia da WhatsApp che da Facebook:

Nulla di ciò che condividi su WhatsApp, compresi i messaggi, le foto, e le informazioni dell’account, sarà condiviso su Facebook o su altre applicazioni del nostro gruppo di applicazioni per essere visto da altri, e nulla di ciò che viene pubblicato su queste applicazioni sarà condiviso su WhatsApp per essere visto da altri. Ciò significa, per esempio, che sebbene alcune informazioni saranno condivise con Facebook (ad esempio il numero di telefono), tali informazioni non saranno visibili da altre persone su Facebook. Inoltre, quando tu e i tuoi contatti utilizzate l’ultima versione della nostra applicazione, i messaggi sono crittografati end-to-end per impostazione predefinita. Quando i messaggi sono crittografati end-to-end, solo le persone con cui scambiamo messaggi potranno leggerli – non WhatsApp, Facebook, o nessun altro.

Facebook ha comunque previsto la possibilità che gli utenti di WhatsApp non vogliano accettare le nuove condizioni di servizio e condividere i loro dati. Prima di accettare i nuovi termini di utilizzo agli utenti verrà data la possibilità di escludere da questi la condivisione dei dati con Facebook a fini pubblicitari, togliendo la spunta a una voce che si trova in coda al contratto di utilizzo aggiornato (bisogna cliccare sul link “leggi” nel testo del messaggio con cui WhatApp chiede di accettare i nuovi termini del contratto). Dopo aver accettato i nuovi termini di utilizzo, inoltre, si avranno 30 giorni di tempo per cambiare idea sulla condivisione dei dati con Facebook: dalle impostazioni di WhatsApp sarà possibile sistemare le cose. Facebook riceverà comunque informazioni sugli utenti, ma potrà usarle solo per alcuni scopi “tecnici” di gestione dei suoi servizi, ma non per vendere pubblicità, per esempio.

9be951f44c78affbfec3ae96f5d72af3f11412bc

Delle possibili conseguenze per gli utenti di WhatsApp del suo acquisto da parte di Facebook si era parlato da subito dopo l’annuncio dell’accordo, nel febbraio 2014. Fino a oggi non c’erano stati grossi cambiamenti nel modo in cui funziona WhatsApp, ma dal gennaio 2016 era stato cancellato l’abbonamento annuale che aveva costituito la principale fonte di guadagni per la società: secondo Venturebeat questo primo passo di integrazione con Facebook potrebbe essere un tentativo di WhatsApp di cercare altre e nuove fonti di reddito.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.