• Mondo
  • mercoledì 17 agosto 2016

Il viceambasciatore nordcoreano a Londra è scappato in Corea del Sud

Lavorava da anni nel Regno Unito e sembra che abbia defezionato a causa di una forte avversione per il regime di Kim Jong-un

Un intervento di Thae in una libreria di King's Cross, a Londra (YouTube)

Mercoledì il governo sudcoreano ha confermato che il vice-ambasciatore nordcoreano a Londra ha fatto defezione, scappando dal Regno Unito in Corea del Sud. La notizia era stata anticipata ieri da un’agenzia stampa sudcoreana e ripresa da BBC, ma fino a oggi non aveva avuto conferme ufficiali. Il diplomatico nordcoreano è Thae Yong-ho, che mercoledì è arrivato in Corea del Sud insieme alla famiglia, è il più alto diplomatico nordcoreano ad essere mai scappato dalla Corea del Nord, ha detto il governo sudcoreano.

Il portavoce del ministero dell’Unificazione del governo sudcoreano, Jeong Joon-hee, ha detto in conferenza stampa che Thae è scappato per la sua avversione verso il regime di Kim Jong-un e per il suo desiderio di vivere in un sistema libero e democratico, come quello della Corea del Sud. L’agenzia sudcoreana JoongAng ha scritto, citando una fonte anonima, che Thae ha avviato il suo piano di fuga «seguendo un piano scrupoloso» preparato in precedenza. L’ambasciata nordcoreana a Londra – che si trova nel quartiere occidentale di Gunnersbury – non ha confermato o commentato la notizia della defezione di Thae. Reuters ha scritto che un funzionario dell’ambasciata ha detto: «Se sarà appropriato dare una risposta, ne riceverete una». Il telefono cellulare di Thae risulta staccato e rimanda alla segreteria telefonica.

Thae è piuttosto conosciuto dai giornalisti britannici con sede a Londra, perché operava come principale punto di contatto per gli inviati che volevano trascorrere un periodo a Pyongyang, la capitale della Corea del Nord. Ha sempre mantenuto uno stile misurato con la stampa, in contrasto con la retorica molto aggressiva usata dalla propaganda nordcoreana. Nel corso degli anni passati nel Regno Unito, Thae ha partecipato a diversi eventi organizzati dal Partito comunista britannico, facendo degli interventi sempre in difesa della Corea del Nord. Il figlio di Thae, il 19enne Thae Kum Hyok, ha terminato la scuola superiore il 22 luglio, e stando alle testimonianze di alcuni suoi amici citate dal Guardian ha ottenuto un posto all’Imperial College di Londra per studiare matematica e informatica. Reuters ha scritto che Thae Kum Hyok è appassionato di videogiochi, e tra le altre cose lo scorso anno ha accumulato 368 ore di gioco a CounterStrike, un gioco sparatutto in prima persona, con un account che si chiama “La Corea del Nord è la miglior Corea”. L’account è stato attivo per l’ultima volta il 13 luglio.

Un intervento di Thae durante un incontro organizzato dal Partito comunista britannico, nel 2013

Un intervento di Thae in una libreria di King’s Cross

Le defezioni di cittadini nordcoreani per la Corea del Sud sono piuttosto frequenti ed episodi di questo tipo erano già accaduti in passato con altri diplomatici. Da quando il dittatore della Corea del Nord è diventato Kim Jong-un, comunque, il numero totale di defezioni si è ridotto, anche se sono aumentate le fughe all’estero di personaggi politici e diplomatici di alto livello. Anche per la Corea del Sud le defezioni di cittadini nordcoreani sono un tema molto delicato. Lo scorso aprile il governo di Seul aveva pubblicizzato la defezione di un colonnello nordcoreano, senza apparentemente prendere le opportune precauzioni per garantire la sicurezza della sua famiglia che si trovava ancora in Corea del Nord. I partiti politici di opposizione avevano accusato il governo conservatore della presidente Park Geun-hye di usare avere usato la notizia per aumentare i propri consensi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.