(VALERY HACHE/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • giovedì 30 giugno 2016

Il Portogallo è in semifinale agli Europei

Ha eliminato la Polonia ai calci di rigore, dopo che la partita era finita 1-1

(VALERY HACHE/AFP/Getty Images)

Il Portogallo ha battuto la Polonia ai calci di rigore qualificandosi per le semifinali degli Europei 2016, dove incontrerà la squadra vincente della partita tra Galles e Belgio. Portogallo-Polonia, nonostante i pochi gol, è stata una partita gradevole ed equilibrata, con diverse occasioni per parte: la Polonia è andata in vantaggio al secondo minuto di gioco con un gol dell’attaccante Lewandowski dopo un errore del terzino portoghese Cedric, il Portogallo ha pareggiato al 33esimo del primo tempo con un bel gol del giovane Renato Sanches.

Dopo il pareggio del Portogallo ci sono state diverse buone occasioni per entrambe le squadre, anche ai tempi supplementari: la più evidente l’ha avuta Cristiano Ronaldo, che però ha sbagliato un tiro dopo essere stato ben smarcato in area di rigore. Il portiere portoghese Rui Patricio ha parato il quinto rigore della Polonia, tirato da Blaszczykowski, e Ricardo Quaresma ha segnato quello decisivo. La partita è finita 6-4.

Grazie alla vittoria contro la Polonia, il Portogallo è la prima squadra a qualificarsi per le semifinali degli Europei: giocherà il 6 luglio contro la vincente tra Belgio e Galles, che giocheranno venerdì sera alle 21. Il Portogallo durante questi Europei non è ancora riuscito a vincere una partita nei tempi regolamentari: ha pareggiato tre volte nel girone e ha vinto ai supplementari negli ottavi di finale contro la Croazia. Fino a qui il Portogallo, che non era partita come una delle squadre favorite per la vittoria finale, non ha giocato ad altissimi livelli, ma ha mostrato di saper gestire bene le situazioni e di essere una squadra solida e concreta: si è visto sia ieri nella partita contro la Polonia che in quella precedente contro la più talentuosa Croazia.

bracket

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.