• Mondo
  • giovedì 12 novembre 2015

La tv russa ha mostrato per errore i piani segreti del governo per i siluri nucleari

Nei servizi di due tv pubbliche sono stati inquadrati per errore documenti riservati dell'esercito

Primo canale (“Pervy kanal”), la principale televisione pubblica della Russia, e l’emittente NTV controllata da Gazprom, hanno trasmesso per errore i piani segreti del governo russo per la realizzazione di un sistema di siluri nucleari. In due servizi sono state mostrate le immagini di un ufficiale dell’esercito che consulta alcuni documenti riservati relativi al progetto, portato avanti dall’azienda Rubin di San Pietroburgo, uno dei principali produttori di sottomarini nucleari. I servizi sono andati in onda ieri e le immagini erano state girate lunedì a Sochi, nel corso di un incontro del presidente Vladimir Putin con alcuni funzionari dell’esercito. Il governo della Russia ha confermato l’errore e le immagini sono state eliminate dai servizi, ma circolano ancora online.

Nel foglio tenuto in mano dal funzionario dell’esercito si parla della capacità e degli effetti dei siluri nucleari, che dovrebbero essere lanciati dai sottomarini russi. Si dice che la loro esplosione creerebbe “ampie aree contaminate da radiazioni, rendendoli quindi poco utili nel lungo periodo per motivi strategici ed economici”. Durante l’incontro di Sochi, Putin aveva detto che se necessario “la Russia assumerà tutte le misure di rappresaglia per rafforzare il potenziale delle nostre forze nucleari”.

Non è chiaro come sia potuto succedere che le immagini del documento riservato siano state trasmesse da Primo canale e NTV, considerato che sono strettamente controllate dal governo per quanto riguarda le loro attività editoriali. Il portavoce di Putin, Dimitri Peskov, ha ammesso l’errore: “È vero che alcune informazioni segrete sono state riprese e in seguito cancellate: in futuro assumeremo nuove soluzioni preventive per evitare che questo possa accadere di nuovo”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.