• postit
  • giovedì 5 novembre 2015

È morto a 91 anni l’antropologo e filosofo francese René Girard

L’antropologo e filosofo francese René Girard è morto mercoledì 4 novembre a 91 anni. Girard era un professore dell’Università di Stanford e un membro dell’Académie Française. È morto nella sua casa di Stanford, in California. Girard era nato ad Avignone nel 1923 e dopo aver studiato in Francia, nel 1947 aveva ottenuto una borsa di studi per trasferirsi negli Stati Uniti, dove aveva ottenuto un dottorato di ricerca e iniziato la carriera accademica. Dal 1981 fino al 1985 aveva insegnato a Stanford. Cynthia Haven, dell’Università di Stanford, ha descritto così il lavoro di Girard e i capisaldi del suo pensiero:

In particolare, Girard era interessato nelle cause del conflitto, della violenza e nel ruolo dell’imitazione nei comportamenti umani. I nostri desideri, ha scritto, non sono nostri: vogliamo quello che altri vogliono. Questi desideri mutuati da altri portano alla competizione e alla violenza. Diceva che il conflitto umano non è causato dalle nostre differenze, ma piuttosto dalle nostre somiglianze. Gli individui e le società scaricano la responsabilità e le colpe su degli outsider, dei capri espiatori, la cui eliminazione riconcilia gli antagonisti riportando l’unità.

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.