I pasticcini al cioccolato preparati da Hermione in Harry Potter e la Camera dei segreti. (The Little Library Café)
  • Cultura
  • mercoledì 28 ottobre 2015

Le ricette dei libri (e non il contrario)

Come si preparano i bignè dell'Amica geniale? E la torta al cumino di Bilbo Baggings? E le famose madeleine di Proust?

I pasticcini al cioccolato preparati da Hermione in Harry Potter e la Camera dei segreti. (The Little Library Café)

Ogni venerdì Kate Young pubblica sul suo blog, The Little Library Café, una nuova ricetta ispirata ai libri: quelli che leggeva da bambina, come la saga di Harry Potter di JK Rowling o Piccole donne di Louisa May Alcott; grandi classici come l’Ulisse di James Joyce e Il Grande Gatsby di Frances Scott Fitzgerald; e romanzi più recenti, da L’amica geniale di Elena Ferrante alla trilogia Millennium di Stieg Larsson.

A volte gli scrittori sono particolarmente precisi nel descrivere i piatti, come fa Melville con una zuppa di pesce in Moby Dick, altri accennano in modo più vago a tramezzini o dolcetti, che Young ha dovuto ricostruire a partire dal luogo e dal tempo in cui è ambientato il racconto. Altre volte ancora è una descrizione defilata o un dettaglio appena accennato a far immaginare a Young il piatto che i protagonisti avrebbero assaggiato o preparato, come la descrizione di un gelso in Ragione e Sentimento di Jane Austen, da cui Marianne Dashwood avrebbe preparato una golosa marmellata.

Le ricette sono tutte accompagnate dal brano del libro in cui i piatti vengono nominati, da una breve spiegazione o da un commento di Young, e da una fotografia del risultato finale. I piatti sono poi suddivisi in base al libro in cui se ne parla o secondo il più tradizionale indice alfabetico dei libri di ricette. Per finire, qui si trovano le ultime pubblicate.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.