L'eclissi lunare dello scorso aprile vista da Auckland, Nuova Zelanda (Phil Walter/Getty Images)

Il 28 settembre ci sarà un’eclissi lunare totale

Nella notte tra domenica e lunedì sarà visibile anche dall'Italia, con una Luna grande più del solito e che vedremo rossa

L'eclissi lunare dello scorso aprile vista da Auckland, Nuova Zelanda (Phil Walter/Getty Images)

Nella notte tra domenica 27 e lunedì 28 settembre ci sarà un’eclissi lunare totale visibile anche dall’Italia, a differenza dell’eclissi dello scorso aprile che non fu visibile dalle nostre parti. Il fenomeno inizierà poco dopo la mezzanotte di lunedì e raggiungerà il suo massimo alle 4:47 del mattino (le 2:47 UTC), quando l’oscuramento del disco lunare sarà massima. Poi la Luna tornerà poco alla volta a essere di nuovo visibile e il fenomeno sarà finito intorno alle 7:24 del mattino di lunedì. Dovrebbe essere particolarmente spettacolare perché in questo periodo dell’anno la Luna appare più grande del solito in cielo, essendo nella fase in cui è più vicina alla Terra.

Un’eclissi lunare totale si verifica quando la Luna attraversa per intero l’ombra generata dalla Terra, la quale blocca quasi interamente il passaggio dei raggi del Sole che di solito si riflettono sulla Luna facendocela vedere in cielo di notte e talvolta anche di giorno.

Durante l’eclissi totale, la Luna diventa via via meno luminosa e tende poi a colorarsi di rosso-marrone. Benché i raggi del Sole non le arrivino più direttamente addosso, la Luna continua comunque a essere visibile anche nel momento massimo di oscuramento: parte della luce solare viene deviata dalla rifrazione dell’atmosfera terrestre e riesce quindi a raggiungere ugualmente la superficie lunare. Semplificando, possiamo dire che il fenomeno è simile a quello dei tramonti: più la luce del Sole arriva filtrata dall’atmosfera e con una particolare inclinazione, più la percepiamo come rossa.

In Italia un’eclissi lunare totale non è visibile dal 15 giugno 2011, quando si verificò intorno alle 21:30 di sera. L’eclissi lunare totale tra domenica e lunedì sarà visibile in Europa, Medio oriente, Africa, parte del Nordamerica e del Sudamerica.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.