Djokovic alza il trofeo del primo posto (AP Photo/Seth Wenig)
  • Sport
  • lunedì 14 settembre 2015

Novak Djokovic ha vinto gli US Open

Ha battuto Roger Federer in una partita molto combattuta, per tre set a uno: è il suo decimo Slam in carriera

Djokovic alza il trofeo del primo posto (AP Photo/Seth Wenig)

Il tennista serbo Novak Djokovic ha vinto gli US Open – uno dei più importanti tornei di tennis al mondo – battendo in finale Roger Federer. Djokovic ha battuto Federer per tre set a uno (6-4, 5-7, 6-4 e 6-4): i due tennisti sono rispettivamente al numero 1 e al numero 2 della classifica mondiale dei tennisti. Quella ottenuta oggi è la decima vittoria di Djokovic in uno Slam, cioè uno dei quattro tornei più importanti per i tennisti professionisti (Wimbledon, Roland Garros, US Open e Australian Open). L’ultimo Slam vinto da Djokovic è stata l’edizione di Wimbledon del 2015.

Djokovic ha giocato una partita molto attenta, mentre Federer ha giocato moltissimo a rete – come ormai è sua abitudine da alcuni anni – e ha anche sperimentato il suo “nuovo” colpo, l'”attacco furtivo di Roger”. Federer è sceso a giocare a rete 59 volte, ottenendo in queste azioni di gioco 39 punti: ha però sfruttato solamente 4 delle 23 opportunità di fare break (cioè vincere un game in cui chi serve è l’avversario), mentre Djokovic ne ha sfruttate 6 su 13.

Djokovic è considerato da anni il più forte tennista al mondo, e da più di un anno è il numero uno del ranking mondiale; Roger Federer è considerato da molti esperti, giornalisti ed ex giocatori il miglior tennista di sempre, ma ha 34 anni ed è in una fase calante della sua carriera. Quello di ieri è stato il quaraduesimo incontro che Djokovic ha giocato contro Federer da quando è professionista. Djokovic aveva battuto Federer anche nella finale del torneo di Wimbledon giocata due mesi fa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.