ANSA/PIETRO CROCCHIONI

Elezioni regionali 2015, i risultati definitivi

Il centrosinistra ha vinto in 5 regioni su 7: Campania, Toscana, Marche, Umbria e Puglia; al centrodestra Veneto e Liguria

ANSA/PIETRO CROCCHIONI

Alle elezioni regionali il centrosinistra ha vinto in cinque regioni su sette. Si è anche votato nei comuni dove sono state organizzate le elezioni amministrative, eventuali ballottaggi si terranno il prossimo 14 giugno.

– CENTROSINISTRA –
Marche
Luca Ceriscioli (centrosinistra) – 41,07 per cento
Gianni Maggi (M5S) – 21,78 per cento
Francesco Acquaroli (FdI, Lega) – 18,98 per cento
Gian Mario Spacca (centrodestra) – 14,21 per cento

Toscana
Enrico Rossi (centrosinistra) – 48,03 per cento
Claudio Borghi (centrodestra) – 20,01 per cento
Giacomo Giannarelli (M5S) – 15,04 per cento
Tommaso Fattori (Sì – Toscana a sinistra) – 6,28 per cento

Umbria
Catiuscia Marini (centrosinistra) – 42,78 per cento
Claudio Ricci (centrodestra) – 39,27 per cento
Andrea Liberati (M5S) – 14,30 per cento
Michele Vecchietti (Umbria per un’altra Europa) – 1,56 per cento

Campania
Vincenzo De Luca (centrosinistra) – 41 per cento
Stefano Caldoro (centrodestra) – 38,39 per cento
Valeria Clarambino (M5S) – 17,64 per cento
Salvatore Vozza (Sinistra e Lavoro) – 2,20 per cento

Puglia
Michele Emiliano (centrosinistra) – 47,04 per cento
Antonella Laricchia (M5S) – 18,49 per cento
Francesco Schittulli (Area popolare) – 18,26 per cento
Adriana Poli Bortone (centrodestra) – 14,45 per cento

– CENTRODESTRA –
Veneto
Luca Zaia (centrodestra) – 50,08 per cento
Alessandra Moretti (centrosinistra) – 22,76 per cento
Jacopo Berti (M5S) – 11,88 per cento
Flavio Tosi (Lista Tosi) – 11,85 per cento

Liguria
Giovanni Toti (centrodestra) – 34,44 per cento
Raffaella Paita (centrosinistra) – 27,84 per cento
Alice Salvatore (M5S) – 24,84 per cento
Luca Pastorino (Rete a sinistra) – 9,41 per cento.

13:38 1 Giu 2015

Il peraltro direttore del Post sui risultati elettorali delle regionali:

La ricerca di senso, di sintesi, e di verità essenziali e assolute in ogni accadimento è una reazione umana e giornalistica tipica e comprensibile: ma essendo la realtà invece complessa, varia, e soggetta a mille variabili in cambiamento continuo, questa ricerca genera spesso letture e conclusioni dissennate, sbrigative e del tutto lontane dalla realtà.
Ieri ci sono state le elezioni in sette regioni italiane sparpagliate per la penisola e con vicende e candidati propri e indipendenti ed estesamente slegati dalla politica nazionale e da un quadro complessivo: non completamente slegati – la moda di Salvini e il disastro di Forza Italia per esempio hanno avuto ricadute diffuse: nel centrodestra ci sono sempre meno sfumature – ma estesamente slegati dalla politica nazionale (il più renziano dei sette candidati del PD, per dire, era un’ex bersaniana).

Continua a leggere

13:10 1 Giu 2015

Il social media editor della birra Ceres se la ride.

12:56 1 Giu 2015

Cosa dice la stampa straniera delle elezioni regionali. “Il partito del premier italiano vince in 5 regioni su 7”, titola Associated Press, che specifica poi come “il vero vincitore sia stato la Lega Nord, movimento anti-Europa non più solo regionale che ha guadagnato voti ovunque”. “Renzi inciampa sul voto locale”, titola Reuters, mentre il Wall Street Journal parla di “vittoria di misura di Renzi” e El País scrive di “frenata” di Renzi.

12:51 1 Giu 2015

Durante una conferenza stampa, il neoeletto presidente della Liguria, Giovanni Toti del centrodestra, ha detto che “abbiamo 16 seggi su 31 in Consiglio” regionale.

12:34 1 Giu 2015

Altro dato definitivo, questa volta dell’Umbria: ha vinto la presidente uscente di centrosinistra Catiuscia Marini con il 42,78 per cento.

12:33 1 Giu 2015

Il dato definitivo delle Marche: ha vinto il presidente uscente di centrosinistra Luca Ceriscioli con il 41,07 per cento.

12:28 1 Giu 2015

Nel corso di una conferenza stampa a Roma per commentare l’esito delle regionali, il vicesegretario del Partito Democratico, Debora Serracchiani, ha detto che: «Il Movimento 5 Stelle è totalmente irrilevante. E contrariamente a quello che sostiene Grillo il PD è primo partito in tutte le Regioni, tranne in Veneto in questo momento. Salvini e Grillo cavalcano le paure, noi andiamo avanti con le riforme».

12:18 1 Giu 2015

ANSA segnala che la bandiera del M5S di solito esposta sul pennone della casa di Beppe Grillo oggi è mostrata a mezz’asta.

12:17 1 Giu 2015

Matteo Salvini, segretario della Lega Nord ha detto che «è bene che Renzi prenda atto che la politica del suo governo è fallita, se questi non rappresentano qualche segnalino di allarme per il messia Renzi, auguri: se continuano a sottovalutare la Lega, bene, andremo a vincere a livello nazionale».

12:12 1 Giu 2015

Renato Brunetta, capogruppo alla Camera di Forza Italia, ha detto che: «Dobbiamo fare riflessioni interne, ci vogliono messaggi più chiari, veniamo da quattro anni di responsabilità ed errori interni. Forza Italia sarà sempre più competitiva».

12:00 1 Giu 2015

Le valutazioni dell’ex direttore del Corriere della Sera, Ferruccio De Bortoli, da tempo poco clemente nei confronti del governo e soprattutto di Matteo Renzi.

11:50 1 Giu 2015

11:46 1 Giu 2015

Nelle foto della notte elettorale ci sono bei momenti.

11:42 1 Giu 2015

11:37 1 Giu 2015

Nel corso di una conferenza stampa a Roma per commentare l’esito delle regionali, il vicesegretario del Partito Democratico, Debora Serracchiani, ha detto che: «Siamo soddisfatti del lavoro fatto in questi mesi: il risultato delle regionali ci colloca con chiarezza e determinazione nella prospettiva del 2018, ancora più determinati a portare avanti il processo delle riforme, che è stato supportato da un chiaro risultato sia a queste elezioni che alle precedenti».

11:29 1 Giu 2015

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, sta intanto raggiungendo l’Afghanistan per fare visita ai soldati italiani.

11:24 1 Giu 2015

Beppe Grillo ha scritto questo breve post sul suo blog per commentare il risultato elettorale delle regionali.

Dopo i risultati delle elezioni regionali è d’obbligo un post di ringraziamenti.
Il primo grazie (di cuore) va a De Luca, ineleggibile e impresentabile, che ha mostrato il vero volto del Pd della (il)legalità.
Il secondo grazie ai candidati del M5S che, senza ambizioni di poltrone e di potere, hanno speso gli ultimi mesi in campagna elettorale.
Il terzo grazie ai parlamentari e agli altri eletti che hanno girato in lungo e in largo la penisola per dare il loro sostegno alle liste senza risparmiarsi, la mattina erano a Venezia, ill pomeriggio a Genova e la sera a Perugia.
Il quarto grazie a chi ha dato fiducia al M5S con il voto, e non era facile, con i media tenacemente contro a raccontare misfatti su di noi, non era semplice bucare la nebbia della disinformazione.
Il quinto grazie a chi ha ridimensionato il partito dell’innominabile e lo ha portato a percentuali più consone (metà rispetto alle europee) alla sua (non) azione di governo. Non si gestisce un Paese con le menzogne e con l’arroganza,
Il sesto grazie alle sirene della sinistra che ci vorrebbero assessori o alleati a cui si ricorda che il M5S voterà in consiglio regionale (e in Parlamento) ogni proposta che sia contenuta nel suo programma o che porti un beneficio ai cittadini. Le alleanze e gli inciuci non ci appartengono.
Grazie, Danke, Merci, Thank you agli italiani che ci hanno votato e che hanno attribuito il ruolo di primo partito al M5S in Liguria, Campania e Puglia e di secondo in altre regioni.
Il prossimo ringraziamento sarà alle politiche. Un giorno del ringraziamento con il tacchino del Pd nel forno.

11:15 1 Giu 2015

A Genova città il candidato più votato è stata Alice Salvatore del M5S: ha ottenuto il 29,60 per cento. Toti il 28 per cento, Paita il 24,26 .

11:10 1 Giu 2015

Ora ci sono il dato definitivo e la conferma del ministero degli Interni: Giovanni Toti del centrodestra è il nuovo presidente eletto in Liguria con il 34,44 per cento dei voti. Raffaella Paita ha ottenuto il 27,84 per cento, mentre Alice Salvatore del M5S si è fermata al 24,84 per cento. Luca Pastorino di Rete a Sinistra – Lista Pastorino ha ottenuto il 9,41 per cento.

11:04 1 Giu 2015

Come la vede Gaetano Quagliariello, coordinatore nazionale di Nuovo Centrodestra: «Ncd – Area Popolare a livello nazionale si attesta al 4 per cento. Se poi calcoliamo che in tre grandi regioni, Puglia, Campania e Marche, ci siamo divisi rispetto ai nostri alleati dell’Udc, superiamo di gran lunga il dato delle europee. I candidati presidenti dell’area di centrodestra non estremista, Schittulli, Spacca e Tosi, sono tutti abbondantemente in doppia cifra. Dunque, Salvini o non sa contare o non sa di cosa parla».

10:58 1 Giu 2015

Caldoro del centrodestra, sconfitto da De Luca del centrosinistra in Campania: «Faccio gli auguri all’onorevole De Luca per il successo e gli auguro buon lavoro. Vedremo cosa succederà nei prossimi giorni».

10:53 1 Giu 2015

10:45 1 Giu 2015

“Il segreto di Giovanni.”

10:43 1 Giu 2015

Luca Zaia, rieletto presidente del Veneto, ha commentato la sua vittoria parlando di “un risultato unico: è andata bene perché nonostante le premesse chiudiamo, unici in Italia, oltre la soglia del 50 per cento. Il nostro grande risultato ci impone di dare risposte ai veneti che non amano le pastette o gli accordini”. Zaia ha ottenuto il 50,2 per cento, la candidata del centrosinistra Alessandra Moretti si è fermata al 22,8 per cento.

10:28 1 Giu 2015

Cosa dice Pippo Civati a chi accusa lui e il candidato che ha sostenuto, Luca Pastorino, di aver causato la sconfitta del PD e la vittoria del centrodestra.

Ora, a parte che sono uscito dal Pd perché il premier ha deciso di fare cose che non condivido anche in campagna elettorale (voto di fiducia sulla legge elettorale), segnalo che i miei sostenitori liguri dal Pd sono usciti a gennaio, Luca Pastorino all’inizio di aprile. A nessuno è importato granché.
Forse pensavano di sostituire Pastorino, Cofferati e il vostro affezionatissimo con qualche voto di destra, come fanno in Parlamento con grande scioltezza. In giro pare sia diventato più difficile.
Quanto al concetto di sabotatore interno, segnalo al nuovo capogruppo del Pd che quelli che escono dal Pd non sono sabotatori, ma concorrenti. Se ne facciano una ragione.
Fare la campagna per il voto utile dopo le elezioni è ancora più triste che farla durante. E non voler affrontare il problema politico è un ulteriore problema politico.

10:26 1 Giu 2015

Le foto di Matteo Renzi e Matteo Orfini che giocano alla Playstation aspettando i risultati delle elezioni, scattate e pubblicate online da Filippo Sensi.

10:20 1 Giu 2015

Cosa si dice delle comunali, intanto.

I risultati nei Comuni capoluogo
A Lecco andranno al ballottaggio Brivio (centrosinistra) con il 39,2% e Negrini (centodestra) con il 26,5%. Probabile ballottaggio anche a Mantova, dove con circa la metà delle sezioni scrutinate Palazzi, il candidato del centrosinistra, è accreditato del 48% contro il 25% di Paola Bulbarelli per il centrodestra. In Basilicata, ballottaggio probabile a Matera tra Adduce (centrosinistra) dato al 41% e De Ruggieri (Liste civiche di centrodestra) con il 35%. In Calabria, a Vibo Valentia a circa il 60% dello scrutinio la vittoria la primo turno di Costa (Liste civiche di centrodestra) è sul filo di lana con il 50,3%, potrebbe andare al ballottaggio con Lo Schiavo (centrosinistra) accreditato del 37%. In Sardegna, a Nuoro a un terzo dello scrutinio probabile il ballottaggio tra Bianchi (centrosinistra) che ha il 30,7% e Soddu (liste civiche) con il 21,3%. In Abruzzo, a Chieti ballottaggio tra Di Primio (centrodestra) accreditato del 36% e Febro (centrosinistra) con il 30%.

10:16 1 Giu 2015

Cosa ne pensa Stefano Menichini, blogger del Post e già direttore di Europa.

10:11 1 Giu 2015

Cosa dicono in questo momento le homepage dei quotidiani:


09:50 1 Giu 2015

Un punto della situazione per chi arriva adesso:

– in Campania governava il centrodestra: ha vinto Vincenzo De Luca, del centrosinistra;

– in Liguria governava il centrosinistra: ha vinto Giovanni Toti, del centrodestra;

– nelle Marche è stato rieletto il presidente di centrosinistra, Luca Ceriscioli;

– in Puglia governava il centrosinistra: ha vinto Michele Emiliano, del centrosinistra;

– in Toscana è stato rieletto il presidente di centrosinistra, Enrico Rossi;

– in Umbria è stata rieletta la presidente di centrosinistra, Catiuscia Marini;

– in Veneto è stato rieletto il presidente di centrodestra, Luca Zaia.

09:38 1 Giu 2015

In Campania la vittoria di Vincenzo De Luca del centrosinistra è ormai certa: quando mancano circa 400 sezioni su 5.833 da scrutinare, è in vantaggio netto con il 40,90 per cento. Stefano Caldoro del centrodestra è al 38,33 per cento.

09:20 1 Giu 2015

Idem sentire, o quasi.

09:05 1 Giu 2015

Un anno fa, Mattia Feltri aveva raccontato chi è Giovanni Toti, all’epoca in fase di nomina a nuovo coordinatore di Forza Italia dopo avere lavorato molti anni come giornalista: ora governerà la Liguria col centrodestra.

Giovanni Toti – soprannominato amorevolmente “il Pupino” in mancanza di una “t” – per bocca di un dirigente di Mediaset ha “un ruolo di servizio e di affetto”. Lo ha nei confronti di Silvio Berlusconi e dell’intera azienda. Non gli vuole male nessuno, lì dentro.
Nessuno a Cologno ha da ridire su di lui. «Smussa, attenua, compatta», dicono. E questa è musica di violino per il Capo, che fuori dalla porta ha file di aspiranti beati, tutti che si accreditano come ultimo baluardo del berlusconismo contro subdoli nemici intestini: il che ha fatto di Forza Italia un partito di falchi tendenza avvoltoio. Una famelica propensione concentrata ora proprio su Toti, del quale i pretoriani forzisti dicono che è leggerino e senza esperienza e alla sua nomina a coordinatore organizzativo frappongono questioni burocratiche, e cioè convocazioni di assemblee, necessità di firme, cambi di statuto: robe però buone giusto a prendere tempo e a scocciare il Sire, che la sua decisione l’ha presa.

Continua a leggere

08:58 1 Giu 2015

Nella notte, un agente della polizia ferroviaria si è sparato alla testa mentre prestava servizio in un seggio elettorale a Verona, secondo le ricostruzioni dopo avere avuto un litigio con la sua compagna. È stato ricoverato in ospedale ed è in gravi condizioni. 

08:56 1 Giu 2015

Nelle Marche ha vinto il candidato Luca Ceriscioli del centrosinistra ed ex sindaco di Pesaro con il 41,07 per cento dei voti, mentre Francesco Acquaroli sostenuto da Fratelli d’Italia e Lega Nord si è fermato al 18,98 per cento. Gian Mario Spacca sostenuto da Forza Italia ha ottenuto il 14,21 per cento dei voti. Lo scrutinio nelle Marche è finito.

08:48 1 Giu 2015

I risultati delle regionali su una mappa, per farsi un’idea e ripassare un po’ di geografia, naturalmente.

08:38 1 Giu 2015

Il messaggio di Michele Emiliano dopo la vittoria in Puglia.

08:35 1 Giu 2015

Vorremmo darvi anche i risultati ufficiali delle Marche, ma c’è un ma. Noi comunque perseveriamo, promesso.

08:29 1 Giu 2015

Toti questa notte ha festeggiato coi suoi la vittoria elettorale in Liguria.

08:18 1 Giu 2015

Il messaggio con cui Moretti ha riconosciuto la vittoria di Zaia in Veneto.

08:17 1 Giu 2015

Nel Veneto il presidente uscente di centrodestra Luca Zaia (Lega Nord) ha vinto le elezioni ottenendo il 50,5 per cento dei voti, più del doppio rispetto alla candidata di centrosinistra Alessandra Moretti, che si è fermata al 22,8 per cento. Jacopo Berti del M5S ha ottenuto l’11,8 per cento. I dati sono pressoché definitivi, considerato che siamo al 90 per cento circa delle sezioni scrutinate.

08:06 1 Giu 2015

Qui trovate le prime pagine dei giornali usciti oggi in edicola, con titoli che spesso riflettono la mancanza di dati certi al momento in cui sono state chiuse le edizioni (ché prima o poi tocca andare in stampa).

08:05 1 Giu 2015

Come ampiamente previsto nelle scorse settimane, in Puglia ha vinto il candidato di centrosinistra Michele Emiliano, già sindaco di Bari, con il 47,26 per cento dei voti. Il candidato di centrodestra Francesco Schittulli sostenuto da Raffaele Fitto si è fermato al 18,30 per cento. Adriana Poli Bortone, candidata di Forza Italia, ha ottenuto il 14,47 per cento dei voti, mentre Antonella Laricchia del M5S il 18,14 per cento. I dati sono basati su 2.555 sezioni scrutinate su 4.016.

07:59 1 Giu 2015

Nella notte, il presidente del Consiglio Matteo Renzi e il presidente del Partito Democratico Matteo Orfini hanno ingannato l’attesa giocando a PES2015. La foto è di Filippo Sensi.

Pes #cosedipd #Clasico

A photo posted by Nomfup (@nomfup) on

07:57 1 Giu 2015

Il centrosinistra ha invece perso la Liguria, dove il candidato del centrodestra Giovanni Toti ha ottenuto il 34,53 per cento dei voti. Raffaella Paita del centrosinistra si è fermata al 27,90 per cento, mentre Alice Salvatore del M5S ha ottenuto il 24,84 per cento dei voti. I dati sono riferiti a 1.773 seggi su 1.790, sono quindi sostanzialmente definitivi.

07:52 1 Giu 2015

Il risultato elettorale in Umbria è stato incerto per diverse ore nella notte, ma ormai è chiara la vittoria del centrosinistra con Catiuscia Marini. Mancano 4 sezioni su 1.012 e Marini è al 42,79 per cento, contro il 39,24 per cento di Claudio Ricci del centrodestra. Andrea Liberati del M5S ha ottenuto il 14,31 per cento.

07:47 1 Giu 2015

In Toscana la vittoria di Enrico Rossi, presidente uscente del centrosinistra, era già data per scontata da giorni e lo è anche per i dati reali. A 3.893 seggi scrutinati su 3.969, Rossi ha il 48,08 per cento, contro il 20,07 per cento del leghista Claudio Borghi e il 14,96 per cento di Giacomo Giannarelli del M5S.

07:44 1 Giu 2015

E buongiorno dal Post. Iniziamo con i dati reali dalla Campania, rimasta una delle sfide più aperte fino a tarda notte. Il candidato di centrosinistra Vincenzo De Luca è in testa con il 40,32 per cento dei voti, mentre Stefano Caldoro del centrodestra è al 38,48 per cento. Mancano però ancora 1400 sezioni circa da scrutinare.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.