• Mondo
  • mercoledì 8 aprile 2015

L’ENI, l’unica grande società rimasta in Libia

Le altre grandi aziende energetiche internazionali se ne sono andate, scrive il Wall Street Journal, ma l'ENI continua a produrre gas e petrolio grazie ad accordi con milizie locali

ENI, la più importante azienda energetica italiana, è diventata nelle ultime settimane l’unica società internazionale ancora in grado di produrre e distribuire petrolio e gas in Libia, dove da mesi si combatte una guerra civile tra due governi e decine di milizie rivali. Il Wall Street Journal, che ha dedicato un lungo articolo al ruolo dell’Eni in Libia, ha scritto che l’ENI è stata in grado di mantenere un ruolo predominante nel paese grazie alla protezione di diverse milizie e tribù. Altre aziende, come la francese Total, la spagnola Repsol e l’americana Marathon Oil, hanno invece annunciato la sospensione delle loro attività a causa del peggioramento della situazione.

Chi ha assunto ENI per proteggersi
In Libia da diversi mesi ci sono due governi, oltre che decine di milizie che si contendono il controllo di quartieri o intere città: semplificando molto, a est si trova il governo riconosciuto dalla maggior parte della comunità internazionale – quindi anche dall’Occidente – mentre a ovest governa “Alba della Libia”, una coalizione di forze islamiste – alcune più estremiste di altre – che tra le altre cose controlla anche la capitale Tripoli. Dall’inizio del 2015 si è cominciato a parlare anche di ISIS, che controlla parte di Derna, Sirte e ha mostrato di essere presente anche in altre zone. Nelle ultime settimane la situazione per le società energetiche è diventata molto pericolosa, a causa degli scontri tra le forze fedeli ai due governi e degli attacchi ripetuti di uomini armati legati all’ISIS in alcuni dei giacimenti petroliferi del paese (diversi esperti sostenevano che l’ISIS volesse, oltre che indebolire gli avversari colpendo una fonte importante di guadagni, anche cercare di rapire il maggior numero di lavoratori stranieri per poi chiedere un riscatto).

Il Wall Street Journal dice che, citando alcune sue fonti “vicine alla questione”, le operazioni dell’ENI sono rimaste in qualche modo escluse dai combattimenti tra le forze armate legate ai due governi grazie a degli accordi locali sulla sicurezza. Per esempio, nell’estremo ovest della Libia l’ENI possiede un gasdotto che trasporta circa il 10 per cento delle forniture di gas naturale dell’Italia: questo gasdotto si trova vicino a un campo di addestramento jihadista, ma è protetto da una milizia che fa parte della coalizione islamista di “Alba della Libia”. Inizialmente il campo era stato messo in piedi per addestrare i combattenti che volevano unirsi all’ISIS in Siria: ora viene usato dal gruppo tunisino jihadista Ansar al Sharia per compiere attacchi in Nord Africa. Il complesso dell’ENI si trova di fronte a un porto in cui è attraccata una nave pronta a intervenire rapidamente per garantire la sicurezza dei lavoratori, ha detto una persona a conoscenza del piano di evacuazione al Wall Street Journal.

Nella sede di una joint-venture locale dell’ENI nel Sahara, hanno raccontato alcuni funzionari libici, i membri di una popolazione nomade locale, chiamata Tubus, sono stati assunti per svolgere compiti di sicurezza. Nel giacimento di Wafa, nel sud della Libia, i partner locali di ENI si sono rivolti invece ad alcuni giovani di Zintan, una città alleata con i rivali di “Alba della Libia” a Beida, città nel nord-ovest della Libia. In pratica, dicono le fonti del Wall Street Journal, ENI sta facendo accordi con diverse milizie, senza schierarsi apertamente da una parte o dall’altra. ENI ha negato invece l’esistenza di qualsiasi accordo, dicendo di avere evacuato tutto il suo personale dal paese.

ENI in Libia
L’ENI è in Libia dal 1959, si legge sul sito della società. Lo scorso anno ha prodotto in Libia petrolio e gas per 240mila barili di petrolio al giorno: all’inizio del 2015 la produzione si è alzata fino a 300mila barili di petrolio al giorno. Oggi l’ENI gestisce circa un terzo di tutta la produzione di gas e petrolio della Libia, mentre prima della guerra del 2011 e dell’uccisione dell’ex presidente Mu’ammar Gheddafi si parlava di meno di un quinto della produzione totale. Alberto Tonini, capo del master in Studi Mediterranei dell’Università di Firenze, ha detto al Wall Street Journal: «ENI ha operato in Libia per oltre cinquant’anni, da molto più tempo rispetto ad altre società petrolifere europee, ed è facile immaginare che si è creata quei contatti che ora le rendono possibile coesistere con alcune delle milizie libiche». Stringere accordi con le milizie libiche, ha detto però Geoffrey Howard, analista della società di consulenza Control Risk, è molto pericoloso: i membri delle milizie locali cambiano spesso e potrebbero in seguito essere accusati di violazioni dei diritti umani o di avere collaborato con i terroristi.

L’immagine, aggiornata al 2011 e pubblicata sul sito dell’ENI, si ingrandisce con un clic
eni

ENI trae vantaggio dal fatto che molte delle sue operazioni in Libia sono offshore, ovvero si trovano in mare: spesso sono piattaforme usate per l’estrazione di petrolio sottomarino. Altre aziende italiane operanti in Libia hanno abbandonato le loro attività a causa dei rischi: nella lista sono incluse anche Salini Impregilo, che opera nel settore delle costruzioni e dell’ingegneria e che ha dovuto rinunciare a circa 2 miliardi di commesse, e Finmeccanica, il primo gruppo industriale in Italia per la difesa e la sicurezza.

ENI è la più grande azienda italiana per vendita e valore di mercato, tra le prime 10 al mondo per fatturato che si occupano di petrolio e gas e il più grande produttore occidentale in Africa. Nel corso del tempo – soprattutto negli anni Cinquanta con il fondatore e presidente Enrico Mattei – l’ENI divenne uno dei soggetti più importanti nella politica estera italiana. Ancora oggi l’attivismo dell’attuale CEO dell’ENI, Claudio Descalzi, è piuttosto rilevante nei paesi in cui l’azienda opera: quest’anno, per esempio, Descalzi è stato uno dei membri della delegazione ufficiale italiana mandata al Cairo, la capitale dell’Egitto, per discutere della complicata situazione in Libia.

nella foto: il complesso che regola il trasporto del gas naturale a Mellitah, in Libia. (AP Photo/Eni Press office, File)

Mostra commenti ( )