• Mondo
  • martedì 7 aprile 2015

L’intervista di John Oliver a Edward Snowden

Il comico inglese ha fatto una bella e seria intervista sullo spionaggio, la responsabilità delle sue azioni e le foto dei nostri genitali

Durante la puntata di domenica sera del suo programma su HBO “Last Week Tonight with John Oliver”, il comico inglese John Oliver si è occupato della sorveglianza dei governi sui loro cittadini. John Oliver è tornato a parlare delle attività di sorveglianza della National Security Agency (NSA) e di Edward Snowden, la persona che due anni fa ne rese pubblica l’estensione pubblicando documenti riservati e rubati quando lui stesso lavorava per la NSA. La parte più interessante della trasmissione è stata proprio l’intervista con Edward Snowden registrata a Mosca, dove a Snowden è stato garantito asilo politico essendo ricercato dagli Stati Uniti.

Nella prima parte dell’intervista John Oliver ha chiesto in modo piuttosto serrato a Edward Snowden se aveva piena conoscenza del contenuto dei documenti che ha rubato e aiutato a pubblicare: incalzato dalle domande di Oliver, Snowden ha ammesso di non aver letto per intero tutti i documenti passati ai giornalisti, alcuni dei quali contenevano informazioni che avrebbero potuto mettere a rischio la sicurezza degli Stati Uniti. Nella seconda parte dell’intervista, quella più divertente, John Oliver cerca di rendere il tema delle intercettazioni e della sorveglianza più comprensibile per chi non si occupa di queste cose: lo fa chiedendo a Snowden se e come il governo degli Stati Uniti sarebbe in grado di vedere delle foto private, come foto dei genitali (“dick pic” in inglese) inviate con il cellulare.

Il video dura circa 30 minuti, è in inglese e l’intervista con Edward Snowden inizia intorno al minuto 14.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.