FriendFeed sarà chiuso il prossimo 9 aprile, il social network è di Facebook dal 2009

Il social network FriendFeed chiuderà il prossimo 9 aprile e il suo sito non sarà più raggiungibile. La notizia è stata annunciata da Benjamin Golub, uno degli sviluppatori di FriendFeed, ed è stata confermata da Facebook che aveva acquisito il social network nell’agosto del 2009 per circa 15 milioni di dollari e 32,5 milioni di dollari in azioni Facebook. Da allora lo sviluppo di FriendFeed era stato sostanzialmente fermato e diverse delle sue funzionalità, o delle idee alla loro base, erano state integrate all’interno di Facebook. Il social network continuava ad avere un piccolo seguito in Europa, Italia compresa, e in alcuni paesi come la Turchia.

Il messaggio di Golub sulla chiusura di FriendFeed:

Cari amici della community di FriendFeed,
desideriamo comunicarvi che presto chiuderemo FriendFeed. Abbiamo mantenuto il servizio anche dopo l’acquisizione di Facebook circa cinque anni fa, ma il numero di persone che lo utilizzava ha continuato a diminuire e la community ormai è una frazione di quella che era una volta.
Constatato come stanno le cose, siamo arrivati alla conclusione che fosse il tempo di tirare i remi in barca. Da oggi non accetteremo più nuove iscrizioni. Potrete vedere i vostri post, i messaggi e le foto fino al 9 aprile. E sempre il 9 aprile chiuderemo FriendFeed e non sarà più disponibile il servizio. Desideriamo ringraziarvi per essere stati parte di una community così entusiasta e magnifica. Siamo fieri di ciò che abbiamo creato tanti anni fa, e ci rendiamo conto che non avremmo mai potuto farlo senza il vostro sostegno.

Il team di FriendFeed

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.