Il doodle per la Giornata Internazionale della donna

Nel doodle dell'8 marzo per la festa della donna sono mostrate le immagini di astronaute, chimiche e musiciste, al posto del classico logo di Google

La Giornata Internazionale della donna si festeggia in molti luoghi del mondo ogni anno l’8 marzo. Anche Google ricorda la festa della donna del 2015: al posto del tradizionale logo di Google c’è un insieme di immagini che mostra alcune donne mentre svolgono diversi lavori: l’astronauta, la chimica, la professoressa, la pallavolista, la musicista e così via. La Giornata Internazionale della donna in Italia ha una particolarità che non si trova in altri paesi: alle donne si regalano le mimose (c’è una ragione, è una storia vecchia).

doodle

La prima festa della donna fu organizzata dal Partito socialista americano il 28 febbraio del 1909 e fu una manifestazione in favore del diritto di voto femminile. All’epoca i partiti socialisti riuniti nel Congresso dell’Internazionale socialista erano sostanzialmente gli unici partiti a battersi per il diritto di voto alle donne. In quegli anni ci furono scioperi e manifestazioni i tutto il mondo, ma fu solo dal 1914 che la festa cominciò ad essere celebrata l’8 marzo (probabilmente perché quell’anno cadeva di domenica). Dal 1977, anche grazie alle lotte del movimento femminista, la festa internazionale della donna è diventata un evento promosso dalle Nazioni Unite che quell’anno invitarono tutti i paesi membri a celebrare la ricorrenza.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.