La storia ferma in una foto

Una mostra nata dal libro di Mario Calabresi "A occhi aperti" raccoglie i lavori di dieci importanti fotografi che hanno raccontato grandi pezzi di storia

Dal 21 febbraio fino al 10 maggio 2015 l’AuditoriumExpo dell’Auditorium Parco della Musica di Roma ospita la mostra A occhi aperti. Quando la Storia si è fermata in una foto, curata da Alessandra Mauro e Lorenza Bravetta a partire dal libro del direttore della Stampa Mario Calabresi A occhi aperti, pubblicato da Contrasto. Nel libro e nella mostra sono raccolte le fotografie e le interviste fatte da Calabresi a 10 grandi fotografi che con le loro immagini hanno raccontato alcuni dei momenti più importanti della storia: «Cosa potremmo sapere, cosa potremmo immaginare, cosa potremmo ricordare dell’invasione sovietica di Praga se non ci fossero, stampate nei nostri occhi, le immagini di un “anonimo fotografo praghese”, che si scoprì poi chiamarsi Josef Koudelka? Quanta giustizia hanno fatto quelle foto, capaci di raccontare al mondo la freschezza e l’idealismo di una primavera di libertà. Ci sono fatti, pezzi di storia, che esistono solo perché c’è una fotografia che li racconta».

Il progetto del libro è diventato una mostra che offre allo spettatore, attraverso le immagini esposte, la possibilità di guardare la storia e il mondo dalla prospettiva dei grandi reporter: la Beirut devastata dalla guerra civile fotografata da Gabriele Basilico, Josef Koudelka che racconta gli zingari dell’Europa dell’est, la lacrima di Jackie Kennedy ad Arlington nel giorno dei funerali del marito, catturata da Elliot Erwitt, il “Funeral train” di Bob Kennedy visto da Paul Fusco, la disperazione di un uomo arrestato in un campo di fiori gialli in California catturata da Alex Webb, e poi ancora le immagini di Steve McCurry, Abbas, Don McCullin, Paolo Pellegrin e Sebastião Salgado. La mostra è presentata in collaborazione con Magnum Photos nell’ambito di Auditorium Fotografia, un progetto della Fondazione Musica per Roma in collaborazione con Contrasto e Fondazione Forma per la Fotografia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.