Il centrosinistra ha vinto in Emilia-Romagna e in Calabria

Bonaccini e Oliverio del PD hanno vinto largamente e ora il centrosinistra governa in tutte le regioni d'Italia eccetto tre: ma l'affluenza è stata bassa

Il centrosinistra ha vinto con un largo margine le elezioni regionali che si sono tenute domenica in Emilia-Romagna e in Calabria, in anticipo rispetto alla scadenza naturale delle legislature per via dei guai giudiziari in cui sono occorsi i loro presidenti uscenti: Vasco Errani (Emilia-Romagna, centrosinistra) condannato in appello per falso ideologico; Giuseppe Scopelliti (Calabria, centrodestra) condannato in primo grado per abuso d’ufficio e falso in atto pubblico.

Con queste due vittorie il centrosinistra ha guadagnato una regione dal centrodestra e oggi governa in tutte le regioni d’Italia salvo Lombardia, Veneto e Campania. L’affluenza è stata però molto bassa, solo parzialmente spiegata dal voto anticipato – slegato quindi da elezioni nazionali di maggiore richiamo o da altre elezioni regionali – e dal fatto che si votasse solo di domenica.

(Come mai hanno votato in pochi)

In Emilia Romagna ha votato il 37,70 per cento contro il 68,1 delle elezioni precedenti e contro il 70 per cento delle europee: circa trenta punti percentuali in meno. Solo in due province su nove dell’Emilia Romagna, l’affluenza ha superato il 40 per cento: Bologna 40,18 per cento (contro il 69,40 per cento della precedente tornata) e Ravenna 41,30 per cento. In Calabria si partiva da un dato più basso: hanno votato il 44,08 per cento degli aventi diritto, contro il 59,26 del 2010 (ma in linea con il 45,8 per cento delle europee). Il calo rispetto a quattro anni fa è poco più del 15 per cento e, scrive Repubblica, «il dato è comunque lontano dal 50 per cento: hanno votato meno di un elettore su due».

Emilia Romagna
In Emilia-Romagna il candidato del PD, Stefano Bonaccini, era sostenuto anche da SEL, Centro Democratico e una lista civica: ha ottenuto il 49,05 per cento (circa 615 mila voti) ed è stato eletto presidente. Il suo principale sfidante – Alan Fabbri della Lega Nord, sostenuto anche da Forza Italia e Fratelli d’Italia – ha ottenuto il 29,85 per cento. Nella sua coalizione ha ottenuto un risultato molto rilevante proprio la Lega Nord, che col 19,42 per cento è diventata il secondo partito regionale. La candidata del Movimento 5 Stelle, Giulia Gibertoni, ha ottenuto il 13,3 per cento dei voti.

Stefano Bonaccini ha 47 anni: un tempo era bersaniano, quando era segretario regionale del PD; poi è stato scelto da Renzi come responsabile della sua campagna per le primarie e nominato responsabile dell’organizzazione nella segreteria nazionale. Bonaccini è stato scelto con le primarie che ha vinto contro l’ex sindaco di Forlì Roberto Balzani, ottenendo il 60,93 per cento dei voti (con un dato di partecipazione al voto però piuttosto basso). Le primarie erano state piuttosto complicate: il fallimento di un lungo tentativo di mediazione all’interno del partito su una candidatura “unitaria”, la candidatura prima e il ritiro poi di Matteo Richetti, l’iscrizione nel registro degli indagati, con l’accusa di peculato nell’ambito di un’inchiesta che prosegue da due anni sulle spese effettuate dai gruppi consiliari tra il 2010 e il 2011, sia di Matteo Richetti che di Stefano Bonaccini (a fine settembre la procura di Bologna ha comunque chiesto l’archiviazione per Bonaccini). Dopo la vittoria e la pubblicazione dei dati sull’affluenza, Bonaccini ha detto: «Non si può essere soddisfatti di una partecipazione così bassa. Sapevamo da un lato che avremmo pagato l’inchiesta sulle spese in Regione, ma dall’altro c’è un pezzo di Pd che ha voluto dare un segnale restando a casa».

Calabria
In Calabria lo spoglio è ancora in corso ma non è in dubbio la vittoria di Gerardo Mario Oliverio, candidato del PD e presidente uscente della provincia di Cosenza, sostenuto anche da Centro Democratico e una serie di liste civiche e minori. Oliverio in questo momento ha più del 60 per cento dei voti mentre la sua principale sfidante, Wanda Ferro del centrodestra, ha solo il 23,5 per cento. Il candidato del Movimento 5 Stelle in Calabria, Cono Cantelmi, ha ottenuto il 4,8 per cento circa ed è stato doppiato anche dal candidato di Nuovo Centro Destra e UdC, Nico d’Ascola, che ha preso l’8,5 per cento.

Mario Oliverio ha vinto le primarie del centrosinistra, superando il renziano Gianluca Callipo con il 56 per cento dei voti e il sindaco di Lamezia Giannetto Speranza di SEL. Ha 61 anni ed è passato dal Partito Comunista Italiano al PdS ai DS fino a iscriversi al PD: oggi è uno dei politici del PD che fa riferimento a Gianni Cuperlo. È stato deputato per quattro legislature dal 1992 e presidente della provincia di Cosenza dal 2004.

Commenti
A spoglio ancora in corso, il segretario del PD e presidente del Consiglio Matteo Renzi, ha scritto in un tweet:

L’analisi dei risultato non è stata condivisa dalla Lega che ha spostato il dibattito dal regionale al nazionale commentando soprattutto la bassa affluenza in entrambe le regioni:

 

Foto: Stefano Bonaccini vincitore alle elezioni in Emilia Romagna dopo i risultati del voto
Bologna, 24 novembre 2014 (Stefano De Grandis/lapresse)