• Mondo
  • mercoledì 5 novembre 2014

Brittany Maynard, “il gesto e la persona”

Adriano Sofri si domanda che senso abbia l'equilibristica formulazione con cui monsignor Carrasco ha giudicato il suicidio assistito della ragazza americana

Nella sua rubrica quotidiana sul Foglio Adriano Sofri analizza la contraddittoria formulazione con cui un importante esponente della Chiesa Cattolica ha criticato martedì la decisione di Brittany Maynard, una donna americana che si è suicidata legalmente nello stato dell’Oregon perché malata gravemente di cancro.

Il presidente della Pontificia Accademia per la vita, mons. Carrasco de Paula, ha deplorato il suicidio della signora Brittany Maynard, precisando: “Non giudichiamo le persone, ma il gesto in sé è da condannare”. Mi sono rigirato fra le mani questa frase, e non ne sono venuto a capo. Mi sembra un equilibristico tentativo di tenere assieme il “non giudicare” – il “chi sono io per giudicare” – e la condanna. Il “gesto in sé” – an sich? – separato dalla persona di cui conclude la vita, è, in parole povere, una sciocchezza. Se la chiesa intende trattare il suicidio alla stregua di un omicidio, e la stessa eutanasia come un omicidio, potrà dire di un omicidio cosiddetto comune che non ne condanna l’autore, ma il gesto in sé?

(continua a leggere sul Foglio)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.