Le “épiceries” di Parigi, di notte

Marie Hamel ha fotografato i piccoli alimentari di quartiere, aperti 24 ore su 24, minacciati dalla concorrenza dei grandi supermercati

Alimentations Generales

La fotografa parigina Marie Hamel ha fotografato le alimentations générales o épiceries di Parigi, negozietti di alimentari molto diffusi nelle principali città francesi che restano spesso aperti 24 ore su 24, anche le domeniche e i festivi, e sono spesso gestiti da immigrati nordafricani. Negli ultimi tempi le épiceries stanno scomparendo, rimpiazzate dai punti vendita delle grandi catene: l’obiettivo di Hamel è documentarne quante più possibile, per conservare il ricordo di un aspetto di Parigi che tra qualche anno potrebbe non esistere più e raccontare allo stesso tempo «una pagina di storia francese intimamente legata al Nord Africa». Le immagini mostrano le vetrine dei negozi – con frutta, legumi, verdura, accuratamente posizionati nelle cassette, una affianco all’altro – fotografate di notte, spesso illuminate soltanto dalla loro stessa luce e circondate dal buio delle strade e delle case attorno. Hamel ha iniziato il suo progetto nel 2010, e da allora molti negozi che ha fotografato sono stati chiusi o assorbiti dalla grande distribuzione.

Tutte le fotografie di Alimentation Générale si possono guardare sul sito di Hamel, dove si trovano anche gli altri suoi progetti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.