• Mondo
  • giovedì 12 giugno 2014

Lo sciopero negli aeroporti di Rio de Janeiro

Lo ha indetto il personale di terra di due importanti scali della città: durerà tutto il primo giorno dei Mondiali ma sarà garantito almeno l'80 per cento del servizio

Dalla mezzanotte di giovedì – cioè dalle cinque di stamattina, ora italiana – è in corso a Rio de Janeiro uno sciopero del personale di terra di due aeroporti della città, il Galeão International Airport e il Santos Dumont Airport, un aeroporto locale che effettua molti voli per San Paolo (dove stasera si giocherà la partita inaugurale dei Mondiali di calcio, Brasile-Croazia). Lo sciopero durerà 24 ore ma un tribunale del lavoro ha obbligato i sindacati che l’hanno organizzato a garantire almeno l’80 per cento dei turni. I lavoratori di terra – cioè quelli che effettuano il check in e si occupano della spedizione dei bagagli – chiedono una paga extra per lavorare durante i Mondiali, condizioni migliori di lavoro e un aumento del 12 per cento del proprio stipendio: secondo Al Jazeera, finora gli è stato offerto un aumento dell’otto per cento.

Secondo un comunicato stampa della SNEA, un’organizzazione di cui fanno parte alcune compagnie aeree del paese, lo sciopero non causerà né ritardi né cancellazioni dei voli. Nello scorso mese nei due aeroporti sono circolate in tutto 2,1 milioni di persone, mentre nei giorni dei Mondiali è stato stimato che a Rio de Janeiro arriveranno 554mila turisti.

Mercoledì sera, inoltre, i lavoratori della metropolitana hanno votato per non riprendere uno sciopero per chiedere un miglioramento del proprio contratto iniziato il 5 giugno e interrotto il 10 giugno. Domenica 8 giugno il tribunale di San Paolo aveva dichiarato lo sciopero illegittimo e aveva imposto al sindacato che l’aveva organizzato 160mila euro di multa per ogni giorno in cui sarebbe proseguito. Mercoledì 11 i lavoratori hanno accettato un aumento del proprio salario dell’otto per cento.

Attualmente rimangono in sciopero altre categorie di lavoratori, come le guide dei musei statali e gli insegnanti delle scuole di Rio de Janeiro.

nella foto: un aereo decolla dall’aeroporto Santos Dupont di Rio de Janeiro (NELSON ALMEIDA/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.