• Mondo
  • mercoledì 28 maggio 2014

Che lingua parlava Gesù?

Aramaico o ebraico? Il Papa ha corretto in pubblico il primo ministro israeliano Netanyahu, probabilmente avevano ragione entrambi

Lunedì 26 maggio, a Gerusalemme, nel corso dell’ultimo dei suoi tre giorni di visite in Medio Oriente, papa Francesco ha avuto con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu un incontro durante il quale Netanyahu è stato corretto – come riportato da diversi media – riguardo la lingua parlata da Gesù duemila anni fa. «Gesù ha vissuto qui, parlava ebraico», ha detto Netanyahu. «Aramaico», lo ha interrotto Francesco, e quindi Netanyahu ha precisato: «Parlava aramaico ma conosceva l’ebraico, perché leggeva le Scritture».

La lingua parlata da Gesù, ricorda Reuters, alimenta da tempo un lungo dibattito con connotazioni politiche, più che filologiche. Come noto, Gesù nacque a Betlemme, nella provincia romana della Giudea, che geograficamente corrispondeva alla parte meridionale dell’altopiano della Palestina, fra il Mar Morto e il Mar di Levante, e che oggi è in Cisgiordania. Poi è cresciuto a Nazaret e visse in Galilea, entrambe nella parte settentrionale di Israele, e quindi morì appunto a Gerusalemme, una città venerata da ebrei, cristiani e musulmani, e territorio politicamente conteso: i palestinesi a volte descrivono Gesù come un palestinese, opinione fortemente contestata dagli israeliani.

Riguardo questo episodio, Reuters ha parlato con un professore di linguistica, Ghil’ad Zuckermann, secondo il quale sia Netanyahu che il Papa hanno le loro ragioni: «Gesù parlava aramaico dalla nascita» – una delle lingue semitiche molto diffuse in Oriente fino all’espansione araba ma oggi parlata soltanto da piccole comunità ebraiche – «ma certamente conosceva anche l’ebraico perché era la lingua in vigore per i testi religiosi. Al tempo di Gesù l’ebraico era parlato dalle classi più povere, esattamente il genere di persone a cui si rivolgeva Gesù».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.