• Mondo
  • mercoledì 9 aprile 2014

A Rankous ha vinto Assad

L'esercito siriano e Hezbollah hanno cacciato i ribelli da una città strategicamente importante, al confine col Libano, dopo settimane di scontri

Mercoledì la città siriana di Rankous, a nord di Damasco, è stata conquistata dalle forze governative del presidente Bashar al Assad dopo una battaglia durata almeno 18 ore consecutive. La notizia è stata data dalla televisione siriana e dal canale Al Manar del movimento libanese Hezbollah, alleato con il regime siriano, ed è stata confermata dall’Osservatorio siriano dei diritti umani, organizzazione non governativa filo-ribelli con sede a Londra, nel Regno Unito.

mappa-siria

Lo scontro a Rankous tra esercito siriano e ribelli, che andava avanti da settimane, fa parte di una campagna governativa più ampia di riconquista delle aree al confine con il Libano, considerate di grande importanza strategica per le sorti della guerra. In queste zone, in particolare nell’aera montagnosa di Qalamoun, la battaglia per il controllo del territorio prosegue dal novembre scorso: gli scontri tra forze governative e ribelli hanno costretto decine di migliaia di siriani a lasciare le loro case e spostarsi negli enormi campi profughi del Libano. La riconquista di Rankous si va ad aggiungere alla vittoria militare governativa nella città di Yabroud del mese scorso, che aveva già danneggiato molto l’efficacia delle azioni dei ribelli in questa regione.

Negli ultimi mesi le sorti della guerra in Siria sembrano essersi spostate progressivamente a favore dell’esercito governativo di Assad. Le ragioni sono diverse, ma le più importanti probabilmente sono due: nelle zone della Siria al confine con il Libano i ribelli hanno dovuto combattere non solo contro l’esercito di Assad, ma anche contro le forti e organizzate milizie di Hezbollah (il primo intervento militare certo di Hezbollah nella guerra risale al giugno 2013, durante la battaglia di Qusayr, città anch’essa a nord di Damasco vicino al confine con il Libano). La seconda è la sempre maggiore divisione nel fronte dei ribelli siriani, che da diversi mesi hanno cominciato a combattersi tra loro per ottenere la supremazia all’interno del fronte anti-Assad.

Mercoledì Sana, la televisione di stato siriana, ha riportato dell’esplosione di due autobombe nella città occidentale di Homs, in un’area abitata a maggioranza da alauiti, la setta religiosa a cui appartiene anche Assad. Secondo Sana sono morte almeno 25 persone, tra cui diverse donne e bambini, e altre 107 sono rimaste ferite. Intanto i ribelli siriani continuano a subìre la pressione militare delle forze governative ad Aleppo e Damasco, mentre per il momento sono riusciti a ottenere delle piccole vittorie nel nord-ovest (zone dall’inizio della guerra poco controllate dal governo, vicino al confine con la Turchia) e nel sud della Siria.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.