• Sport
  • giovedì 20 Febbraio 2014

Cosa tenere d’occhio oggi a Sochi

Soprattutto la finale di pattinaggio di figura femminile, con Carolina Kostner in ballo per una medaglia, ma anche le finali di curling e hockey femminile

L’atleta italiana con la possibilità più concreta di vincere una medaglia oggi – nella quattordicesima giornata delle Olimpiadi invernali a Sochi, in Russia – è Carolina Kostner, nella finale di pattinaggio di figura individuale alle 16. Ieri si è tenuta la prima manche e Kostner si è classificata al terzo posto provvisorio ottenendo 74.12, il più alto punteggio mai ottenuto da lei in un’Olimpiade.

Secondo diversi commentatori è stata la miglior prova di sempre di Carolina Kostner, che stavolta potrebbe giocarsela anche per l’oro: le prime tre della classifica provvisoria sono molto vicine tra loro. Davanti a Kostner ci sono la sudcoreana Kim Yuna (74.92) e la russa Adelina Sotnikova (74.64), e per il podio dovrebbero vedersela soltanto loro; la quarta classificata, l’americana Gracie Gold, è distante quasi sei punti da Carolina Kostner.

Kostner ha 27 anni, è nata a Bolzano ed è considerata una delle pattinatrici più forti in circolazione. In carriera è stata sette volte campionessa italiana, cinque volte europea e una volta campionessa mondiale (nella stagione 2011-2012). Agli ultimi campionati europei di categoria è arrivata terza.

La prima medaglia di giornata si assegnerà alle 9:30 nel curling femminile, e sarà di bronzo: si affronteranno Gran Bretagna e Svizzera, in quella che in altre manifestazioni sportive viene tradizionalmente chiamata finale per il terzo e quarto posto. Nel primo pomeriggio, alle 14:30, Canada e Svezia si giocheranno l’oro. Oggi si conclude anche il torneo femminile di hockey su ghiaccio: alle 13 Svizzera e Svezia si contenderanno il bronzo, mentre per l’oro se la vedranno – come da pronostico – Canada e Stati Uniti alle 18. Mezz’ora più tardi, alle 18:30, ci sarà la finale femminile di freestyle halfpipe.

Alle 11.40 si giocherà la finale maschile di ski cross, una specialità del freestyle particolarmente spettacolare in cui gli atleti gareggiano in batterie da quattro lungo una pista piena di salti e dossi. Come in altre discipline simili per certi aspetti (ad esempio lo snowboard cross), oltre che il talento conta anche un bel po’ di fortuna: uno scontro durante la gara può mettere irrimediabilmente fuori dai giochi uno o più favoriti per la vittoria finale. E si parte comunque da un gruppo di favoriti piuttosto ampio: molti danno vincente uno tra gli svizzeri Alex Fiva e Armin Niederer, primo e secondo in Coppa del mondo 2013, e Michael Schmid, campione olimpico a Vancouver (fu la prima edizione di skicross ai Giochi olimpici); ma ci sono da tenere d’occhio anche i francesi, soprattutto Jean Frederic Chapuis, campione del mondo in carica.

L’Italia non ha atleti classificati nel freestyle skicross, ma ce li ha in un’altra importante disciplina in cui oggi si assegnano medaglie, la prova a squadre nella combinata nordica (salto con gli sci e sci di fondo): gli italiani Armin Bauer, Alessandro Pittin, Samuel Costa e Lukas Runggaldier scenderanno in pista in mattinata, alle 9, per la prova di salto; la prova di sci di fondo si terrà alle 12.

foto: DAMIEN MEYER/AFP/Getty Images