Enrico Letta si dimette venerdì

Ha deciso così dopo il voto della direzione del PD, che ha chiesto un nuovo governo

Enrico Letta si dimetterà domani da presidente del Consiglio, annuncia un comunicato di Palazzo Chigi:

«A seguito delle decisioni assunte oggi dalla Direzione nazionale del Partito Democratico, ho informato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, della mia volontà di recarmi domani al Quirinale per rassegnare le dimissioni da presidente del Consiglio dei ministri»

Il segretario del PD, Matteo Renzi, ha chiesto alla direzione nazionale del Partito Democratico di votare un documento che ringrazia Enrico Letta per il lavoro svolto in questi dieci mesi da presidente del Consiglio ma chiede “una fase nuova con un esecutivo nuovo”, di fatto proponendo la cosiddetta “staffetta”, cioè la sostituzione di Letta alla guida del governo con se stesso. La direzione nazionale del partito ha approvato a larghissima maggioranza – favorevoli 136, contrari 16, 2 astenuti – la proposta di Renzi. Il governo si riunirà per l’ultima volta alle 11.30 del mattino di venerdì, poi Letta andrà da Napolitano.

– I video dei discorsi di Renzi (e degli altri) alla direzione nazionale del PD

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.