• Mondo
  • sabato 8 Febbraio 2014

Il treno deragliato nelle Alpi francesi

Un enorme masso ha colpito uno dei vagoni: due persone sono morte e sei sono rimaste ferite

Intorno alle 11 di sabato 8 febbraio un piccolo treno turistico con a bordo 34 passeggeri è deragliato nel comune di Annot, nelle Alpi francesi, mentre viaggiava lungo la tratta che collega Nizza a Digne-les-Bains. Stando alle ricostruzioni, la causa dell’incidente è stato un enorme masso di diverse tonnellate, che è precipitato da una montagna e ha colpito violentemente il primo vagone del treno. Due persone sono morte nell’incidente e altre sei sono rimaste ferite, una in modo grave. La linea ferroviaria in cui si è verificato l’incidente attraversa montagne, gole e viadotti, e in alcuni punti raggiunge i mille metri di altitudine.

In una delle foto che sono circolate di più nelle ore immediatamente successive all’incidente si nota in modo piuttosto evidente una profonda ammaccatura su un lato del vagone colpito. Secondo le parole del sindaco di Annot, Jean Ballester, riportate dal quotidiano locale Nice Matin, il cattivo tempo degli ultimi giorni e l’alternanza di pioggia e neve potrebbero aver provocato il distacco della roccia.