Che cos’è Paper di Facebook

Una nuova applicazione per smartphone per leggere le cose condivise dagli amici e alcune scelte da Facebook, e per postarne di nuove

Facebook ha presentato Paper, una nuova applicazione che è una specie di alternativa alla sua sezione “Notizie” (“News Feed”), il rullo principale dove sono raccolte le cose condivise e gli aggiornamenti dai profili dei propri amici e dalle pagine che si seguono. Oltre a questi contenuti, Paper mostra anche articoli e altre cose trovate in rete selezionate da un gruppo di redattori di Facebook. L’applicazione ricorda sotto molti punti di vista Flipboard, quella che costruisce in automatico una rivista digitale che si aggiorna con le cose che circolano sui propri social network, ma con una parte aggiuntiva in cui è possibile creare nuovi contenuti e aggiornamenti che possono essere condivisi con i propri amici su Paper e di conseguenza su Facebook.

A differenza della sezione “Notizie” sull’applicazione classica di Facebook, che è in sostanza un lungo elenco di cose e tasti per mettere “Mi piace” e commentare, Paper privilegia il più possibile i contenuti: le foto di anteprima degli articoli sono a tutto schermo, come gli album fotografici e i video, i tasti per commentare o ricondividere le cose sono a comparsa e minimali.

paper1

Ogni articolo, foto o post degli amici è contenuto all’interno di una scheda e per passare da una all’altra basta fare scorrere orizzontalmente un dito sullo schermo dello smartphone. Questo significa che per vedere le cose in questo modo è necessario più tempo rispetto al classico scorrimento verticale della sezione “Notizie”, e che si dedica quindi più attenzione a ogni singolo post, almeno nelle intenzioni di chi ha progettato l’applicazione. C’è comunque un’opzione per visualizzare una serie di piccole anteprime delle singole schede, per scorrerle più velocemente.

All’interno di ogni scheda è possibile effettuare alcuni gesti. Se per esempio si fa scorrere un dito verso l’alto su una foto, questa si “stacca” dalla sua scheda e diventa visibile singolarmente, e riutilizzabile per la pubblicazione di un nuovo post. Con un gesto simile su una intera scheda che mostra l’anteprima di un articolo è possibile aprire l’articolo nella sua versione integrale. Facendo scorrere il dito verso il basso, la scheda si richiude.

paper2

Come con Flipboard, Paper può essere personalizzata con una selezione di argomenti. Le diverse sezioni sono consultabili singolarmente e possono essere modificate in qualsiasi momento. Al loro interno sono mostrate le cose condivise dagli amici e quelle scelte da Facebook su determinati argomenti.

La parte più interessante di Paper è probabilmente quella che serve per creare nuovi post. Rispetto al classico editor dell’applicazione di Facebook, quello di Paper mostra da subito l’anteprima di come apparirà il proprio post e dà la possibilità di aggiungere più link e immagini, e offre naturalmente diverse opzioni sulle sue modalità di pubblicazione, pubblica, privata o per un ristretto numero di amici.

paper3

Quando si posta una cosa su Paper questa finisce naturalmente anche all’interno del proprio profilo Facebook. Sotto molti punti di vista, quindi, Paper è una versione alternativa di Facebook per due delle cose che si fanno di più sul social network: vedere i nuovi post e pubblicare nuove cose sul proprio profilo. Per fare queste due cose, la nuova applicazione è molto migliore dell’attuale e potrebbe quindi riscuotere un notevole successo. Per la terza cosa che si fa di più su Facebook, inviare messaggi, c’è già da tempo un’applicazione alternativa a quella classica e si chiama Facebook Messenger.

Paper è il primo ambizioso tentativo di Facebook per offrire un modo nuovo per usare il suo social network tramite smartphone. La società attraverso i suoi Creative Labs sta lavorando a diversi progetti per creare applicazioni che fanno solo una cosa, e molto bene, legata alle funzioni del social network. Facebook Messenger ha funzionato bene e continua ad avere successo, altri tentativi precedenti come Poke e Camera non hanno invece raccolto grandi entusiasmi da parte degli utenti (Camera serve per fare foto con filtri artistici e ricorda Instagram, applicazione acquisita proprio da Facebook nel 2012).

La nuova applicazione di Facebook sarà disponibile a partire dal 3 febbraio esclusivamente per iPhone e solo negli Stati Uniti. Il social network non ha ancora dato dettagli su quando sarà resa disponibile in altri paesi e su sistemi diversi come Android e Windows Phone.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.