• mini
  • Questo articolo ha più di nove anni

Le foto delle feste religiose in Kashmir

Nella regione contesa tra India e Pakistan in questi giorni festeggiano sia gli indù che i musulmani

In questi giorni nel nord dell’India, nello stato di Jammu e Kashmir, festeggiano sia musulmani che induisti. I primi ricordano la morte di Mir Sayyid Ali Hamadani, un importante mistico del quattordicesimo secolo e le celebrazioni si sono svolte intorno al santuario di Sringar. Gli induisti invece festeggiano il Dussehra, un festival che dura dieci giorni in cui viene celebrata la fine dell’estate e si bruciano grandi effigi di demoni piene di fosforo e fuochi d’artificio per purificare l’aria. La festa, nota anche come Vijayadashami, viene celebrata in tutta l’India, ma è particolarmente sentita nel nord del paese.

Il Jammu e Kashmir è lo stato più settentrionale del paese, dove i giorni del Dussehra coincidono effettivamente con l’inizio della stagione fredda. È anche un territorio da lungo tempo oggetto di controversie e dispute di confine tra India e Pakistan. Nella regione circa due terzi della popolazione sono di religione musulmana, mentre un altro terzo è di religione induista.