Un ultimo ultimatum

L'editoriale di Europa sulla colpevole pigrizia del giornalismo politico di questa estate

Nell’editoriale di martedì di Europa, Giovanni Cocconi riflette sulla sterile e consapevole inconsistenza della cronaca politica di questi giorni.

Sarà l’estate o è solo pigrizia? Per due mesi abbiamo spiegato agli italiani che il governo potrebbe cadere da un giorno all’altro sull’Imu: ora è difficile credere possa succedere sul serio, magari dopo il consiglio dei ministri di domani. Da mesi scriviamo che nel Pdl un giorno hanno vinto i «falchi» e il giorno dopo le «colombe», oggi la Santanché e domani Lupi: sicuri che i lettori ci credano ancora? Abbiamo ripetuto per settimane che garantire l’«agibilità politica» di Berlusconi è l’unica questione che conta senza spiegare mai cosa intendevamo con quelle due parole: la leadership del partito, la carica di senatore, la candidatura alle elezioni?
Abbiamo ripetuto così a lungo che «siamo entrati nella settimana decisiva per le sorti del governo» che abbiamo reso l’espressione vuota, inutilizzabile. La settimana scorsa Alfano ha consegnato a Letta un «ultimatum» di dieci giorni al governo, riconvertiti in quattro dopo il vertice di sabato ad Arcore. Quindi domani o il governo elimina l’Imu prima casa a tutti oppure cade il governo. Sicuri?

(continua a leggere su Europa)

– Luca Sofri: Truman Show
– Luca Sofri: Ammasso

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.