• mini
  • martedì 16 luglio 2013

Stevie Wonder contro la sentenza sull’omicidio di Trayvon Martin

«Oggi ho deciso che fino a che la legge "Stand Your Ground" non sarà abolita in Florida, io non tornerò lì a suonare»

Domenica 14 luglio, durante un concerto nella città di Québec, in Canada, il cantautore e musicista Stevie Wonder ha parlato della recente sentenza di assoluzione di George Zimmerman, la guardia giurata che ha ucciso il 17enne Trayvon Martin il 26 febbraio 2012 a Sanford, in Florida. Stevie Wonder ha detto: «Oggi ho deciso che fino a che la legge “Stand Your Ground” non sarà abolita in Florida, io non tornerò lì a suonare». La legge a cui si è riferito Stevie Wonder è stata centrale nel processo a Zimmerman: è la legge che permette di sparare anche se ci si sente solo minacciati, ed è una delle più controverse degli Stati Uniti, perché garantisce l’immunità a chi spara anche solo con il “ragionevole timore” di essere in pericolo di vita o di essere ferito gravemente.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.