• mini
  • giovedì 4 Aprile 2013

Il Gange dopo il Kumbh Mela

Le foto del fiume inquinatissimo dopo l'affollata festa induista

Lo scorso 10 marzo si è concluso il Kumbh Mela, la festa induista che si celebra ogni dodici anni che raduna milioni di fedeli provenienti da tutto il paese e che è considerata il più grande raduno di persone del mondo. La festa è durata quasi due mesi, durante i quali milioni di persone si sono immerse nella Triveni Sangam, la confluenza tra i fiumi Gange, Yamuna e il Saraswati, fiume sacro e invisibile, per cancellare i propri peccati. Questo, oltre all’inquinamento causato dalle sostanze industriali, ha comportato un peggioramento dello stato delle acque del Gange, che è già considerato uno dei fiumi più inquinati del mondo: come testimoniano le fotografie realizzate dal fotografo indiano Sanjay Kanojia moltissimi indiani, non curanti dell’altissimo rischio di malattie e infezioni, si immergono nelle acque alla ricerca di monete e oro.