• Mondo
  • mercoledì 3 aprile 2013

La tregua a Gaza è finita?

Israele ha bombardato la Striscia di Gaza in risposta al lancio di razzi da parte palestinese: non succedeva dalla guerra dello scorso novembre

Nella tarda serata di martedì 2 aprile, Israele ha lanciato una serie di attacchi aerei nella Striscia di Gaza in risposta al lancio di un razzo palestinese verso i propri territori. I nuovi attacchi lungo il confine potrebbero segnare la fine della tregua – peraltro informale – che era stata raggiunta dopo otto giorni di duri scontri nel novembre del 2012 in seguito all’avvio dell'”Operazione Pilastro di difesa” dell’esercito israeliano. La campagna militare aveva causato la morte di circa 170 persone da parte palestinese e di 6 persone da parte israeliana. Già nei giorni scorsi – anche durante la visita di Barack Obama – più volte dalla Striscia di Gaza erano partiti dei razzi contro Israele.

L’esercito di Israele ha comunicato di avere bombardato con i propri aerei due ampie porzioni di territorio, in cui si trovavano alcuni obiettivi strategici per impedire il lancio di nuovi razzi verso i territori israeliani. Poche ore prima, hanno spiegato sempre fonti dell’esercito, si erano verificati alcuni lanci di razzi verso Israele, che non hanno causato feriti o gravi danni.

Un gruppo di militanti salafiti ha confermato il lancio di un paio di razzi da parte di alcuni propri membri. L’operazione sarebbe stata condotta in risposta alla morte di Abu Hamdiyeh, un prigioniero di Israele di 63 anni da tempo malato di tumore alla gola. È morto a causa della malattia nelle prime ore di martedì e, secondo i palestinesi, le autorità israeliane si sarebbero rifiutate di liberarlo per consentirgli di trascorrere gli ultimi giorni tra i suoi cari.

Il ministro degli Interni di Hamas, che di fatto controlla la Striscia di Gaza, ha confermato il bombardamento e ha annunciato che è stato eseguito in alcuni campi aperti a nord della città di Gaza senza causare morti o feriti. L’operazione è stata condotta nei pressi di Beit Lahia, una città dei territori palestinesi nella parte settentrionale della Striscia di Gaza.

foto: Le proteste per la morte di Maisara Abu Hamdiyeh. Hebron, Cisgiordania (HAZEM BADER/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.