• Sport
  • mercoledì 23 gennaio 2013

Serena Williams eliminata dagli Australian Open

E non l'ha presa bene, visto come ha distrutto la racchetta: intanto Sara Errani e Roberta Vinci sono in finale del doppio femminile

Ieri la tennista statunitense Serena Williams, 31 anni, ha perso ai quarti di finale del torneo singolo femminile degli Australian Open contro Sloane Stephens, 19 anni e anche lei americana. Williams era considerata la favorita del torneo: da mesi era in forma eccezionale, a luglio scorso ha vinto per la quinta volta in carriera il torneo di Wimbledon e poco dopo ha vinto la medaglia d’oro olimpica. Ieri però nel corso del terzo set, dopo aver accusato problemi alla schiena, Serena Williams è andata sotto 1-2 e non ha reagito bene: ha distrutto la sua racchetta, sbattendola a terra.

In semifinale Stephens giocherà contro la bielorussa Victoria Azarenka, campionessa uscente degli Australian Open e attuale numero uno al mondo. L’altra semifinale sarà tra Maria Sharapova, altra favorita, e la cinese Na Li, che arrivò in finale del torneo nel 2011.

Gli Australian Open sono iniziati lunedì scorso e sono uno dei tornei di tennis più importanti del mondo, insieme agli US Open, Wimbledon e Roland Garros. Si giocano su cemento e si concluderanno domenica prossima.

Nel doppio femminile le italiane Sara Errani e Roberta Vinci sono in finale, dopo aver battuto ai quarti proprio le sorelle Venus e Serena Williams (e in semifinale le russe Elena Vesnina ed Ekaterina Makarova). Per quanto riguarda il torneo maschile, finora non ci sono state sorprese clamorose: hanno vinto i quarti lo scozzese Andy Murray – l’ultimo ad aver vinto uno slam, gli US Open, a settembre – Novak Djokovic e lo spagnolo David Ferrer, mentre l’ultimo quarto, tra Roger Federer e Jo-Wilfried Tsonga, è iniziato questa mattina ed è stato vinto da Federer. Il grande assente del torneo è lo spagnolo Rafael Nadal, che per motivi di salute non partecipa a nessun torneo da quando l’anno scorso è stato eliminato al primo turno di Wimbledon.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.