• Sport
  • martedì 15 gennaio 2013

Sono iniziati gli Australian Open

Le foto del primo turno di uno dei più importanti tornei di tennis al mondo: nessuna sorpresa fin qui tranne l'eliminazione di Sara Errani

Lunedì 14 gennaio sono iniziati a Melbourne gli Australian Open, uno dei quattro tornei più importanti di tennis al mondo, insieme agli US Open, Wimbledon e il Roland Garros. Si giocano su cemento e si concluderanno domenica 27 gennaio.

Oggi terminerà il primo turno del torneo, che finora non ha riservato grosse sorprese a parte l’eliminazione di Sara Errani dopo l’ottima stagione dell’anno scorso. Per ora gli italiani sono stati tutti eliminati tranne Roberta Vinci e Andreas Seppi. Sono passati anche i campioni uscenti: il serbo Novak Djokovic, per il singolo maschile, e la bielorussa Victoria Azarenka nel singolo femminile. Si sono qualificati al secondo turno anche la russa Maria Sharapova, le sorelle Venus e Serena Williams, lo scozzese Andy Murray e lo svizzero Roger Federer. Il grande assente è lo spagnolo Rafael Nadal, che per motivi di salute non partecipa a nessun torneo da quando l’anno scorso è stato eliminato al primo turno di Wimbledon dal ceco Lukas Rosol.

Tra le partite che vale la pena seguire domani: Novak Djokovic contro l’americano Ryan Harrison; Venus Williams contro la francese Alize Cornet; Maria Sharapova contro la giapponese Misaki Doi. Nel doppio femminile, Sara Errani e Roberta Vinci affronteranno le svedesi Sofia Arvidsson e Johanna Larsson. Nel doppio maschile giocheranno Andreas Seppi e Flavio Cipolla contro il ceco Lukas Rosol e il serbo Viktor Troicki. Giovedì sarà la volta di Andy Murray contro il portoghese Joao Sousa; Roger Federer affronterà l’israeliano Dudi Sela o il russo Nikolay Davydenko; Serena Williams giocherà contro la slovacca Magdalena Rybarikova o la spagnola Garbine Muguruza; Victoria Azarenka contro la greca Eleni Daniilidou o la ceca Karolina Pliskova; Andreas Seppi contro l’uzbeko Denis Istomin.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.