• Sport
  • giovedì 19 Luglio 2012

A che punto è il Tour de France

Che tappa (importante) si è corsa oggi, quanto manca a Parigi, chi sta vincendo e i casi di doping, e chiodi

Aggiornamento, 18.30: Lo spagnolo Alejandro Valverde, della Movistar, ha vinto la 17esima tappa del Tour de France arrivando da solo al traguardo. Secondo è arrivato Froome, autore di una ottima prova, con a ruota Wiggins, entrambi distaccati da Valverde di 19”. L’italiano Vincenzo Nibali ha provato a staccare i due inglesi nella prima discesa, nel tentativo di recuperare il distacco in classifica generale, ma non è riuscito a continuare l’attacco fino alla fine ed è arrivato settimo, a 37”.

— — —

Alle 12,55 di oggi, 19 luglio, è partita la 17esima tappa del Tour de France, la storica corsa francese di ciclismo su strada, che è arrivata quest’anno alla 99esima edizione: è partita lo scorso 30 giugno da Liegi, in Belgio e terminerà il prossimo 22 luglio a Parigi, sugli Champs-Élysées, come da tradizione dal 1975.

(99 anni di Tour de France in 30 foto)

La tappa di oggi
La tappa di oggi partirà da Bagnères-de-Luchon, una cittadina termale nella regione di Midi-Pirenei, a 612 metri di altitudine, e si concluderà con l’arrivo in salita di Peyragudes, a 1605 metri. È una tappa da scalatori, visto che il percorso, lungo 143 chilometri, è segnato da cinque gran premi della montagna (di cui tre di prima categoria e uno fuori categoria, di quelli che assegnano più punti perché sono i più impegnativi) e da uno sprint intermedio.

Le classifiche, per ora
Ad oggi a guidare la classifica generale, quella che assegna la “maglia gialla”, è il britannico Bradley Wiggins (nato in Belgio, figlio di un campione australiano di ciclismo e di madre inglese), della squadra Sky-Procycling, che precede di 2’05” il compagno di squadra Chris Froome, anche lui britannico (naturalizzato, sudafricano di origine), e di 2’23” l’italiano Vincenzo Nibali della squadra Liquigas-Cannondale. Wiggins ha ottenuto la maglia gialla dopo la sesta tappa, superando lo svizzero Cancellara, che aveva vinto la tappa prologo a cronometro. Da sei tappe, ovvero dall’inizio dei percorsi di montagna attorno ai Pirenei, i distacchi tra i primi tre non sono cambiati.

Ci sono anche altre classifiche previste dal regolamento del Tour, ognuna delle quali assegna una maglia di un colore diverso: verde, a pois e bianca. La maglia verde viene assegnata in base a una speciale classifica basata sui punti accumulati al traguardo di ogni tappa, ma anche alle volate intermedie, presenti in ogni tappa. A partire con la maglia verde, oggi sarà Peter Sagan, corridore slovacco di 22 anni che corre per la Liquigas-Cannondale, che l’ha ottenuta nella prima tappa, togliendola allo svizzero Fabian Cancellara, 31 anni, che aveva vinto la tappa prologo.

La maglia a pois (a pallini rossi su sfondo bianco) viene assegnata in base ai punti accumulati nei gran premi di montagna, che possono essere situati in mezzo al percorso di tappa o al traguardo. Ad indossarla in questo momento è il francese Thomas Voeckler, 33 anni, che l’ha ricevuta dopo la vittoria nella tappa di ieri, da Pau a Bagnères-de-Luchon.

(L’infografica di IL e del Post sul Tour de France)

La maglia bianca è per il primo in una classifica secondaria basata sui tempi di ogni singolo ciclista, come quella generale che assegna la maglia gialla, ma riguarda esclusivamente i ciclisti di non più di 25 anni. A indossare la maglia bianca è il ciclista statunitense Tejay van Garderen, 24 anni, primo già a partire dal prologo e che l’aveva persa solo nella settima e nell’ottava tappa, quando la indossò l’estone Rein Taaramäe, 23 anni.

1 2 Pagina successiva »