• Mondo
  • giovedì 7 giugno 2012

Quanto è civile la Norvegia

Troppo, o sono da ammirare? Anders Breivik sarà messo in isolamento perché non prenda ostaggi in tentativi di fuga, ma gli sarà garantita la compagnia di professionisti pagati

Il giornale norvegese Verdens Gang ha pubblicato un’intervista a Knut Bjarkeid, il direttore della prigione di Ila, a ovest di Oslo, dove oggi è incarcerato Anders Breivik e dove resterebbe qualora, come probabile, fosse giudicato colpevole al termine del processo iniziato lo scorso aprile. Breivik è accusato – e reo confesso – di essere il responsabile degli attentati a Oslo e sull’isola di Utøya dello scorso 22 luglio, in cui morirono 77 persone e circa 300 rimasero ferite.

(Halden, il carcere più umano del mondo, che si trova in Norvegia)

Bjarkeid ha detto che il carcere metterà in pratica molte misure per impedire a Breivik di evadere e gli proibirà i contatti con altri detenuti per timore che possa tentare una fuga prendendoli in ostaggio. La legge norvegese però proibisce che un detenuto venga tenuto in isolamento per lunghi periodi di tempo, perché questo sarebbe un trattamento inutilmente crudele e senza alcun intento di riabilitazione. Per questo motivo il carcere assumerà personale appositamente addestrato per fargli compagnia e giocare con lui a scacchi o praticare sport al chiuso, come per esempio l’hockey. Bjarkeid non ha fatto sapere quanto costeranno le misure che verranno prese dal carcere.

Il nodo del processo contro Breivik è stabilirne la sanità mentale o meno. Un primo esame psichiatrico ha stabilito che Breivik soffre di grave schizofrenia e paranoia e che non è capace di intendere e di volere, mentre una seconda valutazione lo ha giudicato sano e responsabile. Se dovesse venire confermato il primo giudizio, Breivik verrà ricoverato in un ospedale psichiatrico, altrimenti sarà probabilmente condannato a 21 anni di carcere – il massimo della pena in Norvegia. Il termine potrà venire comunque esteso se Breivik sarà ancora reputato un pericolo per la società.

Tutti gli articoli del Post su Anders Breivik

Foto: AP Photo/NTB scanpix, Stian Lysberg Solum

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.