Il nuovo articolo 18

Il governo annuncia i dettagli dell'accordo con le parti sociali, ma la CGIL è contraria: giovedì un altro incontro su "altri temi", mentre per l'articolo 18 "la questione è chiusa"

Non ci sarà una firma in calce a un accordo con le parti sociali e sulla riforma del lavoro che , almeno secondo la sua titolare Elsa Fornero, promette cambiamenti «strutturali» a un mercato ingessato, la parola passa al Parlamento. E nessuno al tavolo delle consultazioni che si chiuderà giovedì ha «potere di veto», secondo quanto chiarito in una conferenza stampa dal premier Mario Monti. «Tutte le parti sociali acconsentono alle modifiche dell’articolo 18 che ha proposto il governo, a eccezione della Cgil. Ci dispiace, ma per noi la questione è chiusa», ha detto il premier. Il presidente del Consiglio e ministro dell’Economia ha lodato la titolare del Welfare Elsa Fornero la cui riforma, ha detto, è «solida e coerente con la riforma Fornero-uno, quella delle pensioni» .

(continua a leggere su Corriere.it)