• Mondo
  • giovedì 8 marzo 2012

Sopravvivere ad Haiti

Le foto della discarica Trutier a Port-Au-Prince, dove ogni giorno migliaia di persone cercano cibo e altri materiali riutilizzabili

Il terremoto che ha colpito Haiti due anni fa, uccidendo circa 315mila persone e devastando gran parte dell’isola, ha peggiorato di molto la già fragile situazione economica del Paese. Molte persone si sono ritrovate senza quel poco che possedevano da un momento all’altro, è aumentato il numero dei senza tetto e delle persone che non hanno concretamente modo di procurarsi dignitosamente quanto necessario per vivere. Prima del terremoto, le persone in cerca di cibo e altri materiali riutilizzabili che frequentavano la discarica di Trutier, che si trova nella periferia della capitale Port-Au-Prince, erano circa duecento; ora sono diventate duemila e tra loro ci sono anche bambini.

Haiti due anni dopo il terremoto, Non è cambiato molto, e la ricostruzione è ancora in alto mare: le foto
Tutti gli articoli del Post sul terremoto ad Haiti
La vita dei raccoglitori di canna da zucchero ad Haiti, Le foto dei lavoratori haitiani nella Repubblica Dominicana: immigrati illegalmente, sfruttati e pagati quasi niente

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.