• Italia
  • venerdì 20 Gennaio 2012

Costa Concordia, la nave si muove

“Ha perso stabilità e sta scivolando via”, dice la Protezione Civile, ma sono riprese le operazioni di ricerca dei dispersi (liveblog)

Punto della situazione, 23,45 – Oggi le ricerche dei superstiti del Costa Concordia sono rimaste sospese per gran parte della giornata, perché il relitto si stava muovendo in modo costante e continuo verso il basso e c’erano preoccupazioni per il peggioramento del tempo atmosferico e delle condizioni del mare, che avrebbero potuto provocare l’inabissamento del relitto. La nave si trova su due banchi di roccia, e si appoggia con una superficie totale di circa 1.000 metri quadrati. Domani sei ricercatori dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (Ogs) di Trieste faranno dei rilievi sotto la chiglia per verificare la struttura e la resistenza dello strapiombo su cui è appoggiata la nave. Per ricostruire la morfologia del fondo verrà usata una tecnica che si basa sull’invio di impulsi di onde acustiche ad alta frequenza.

Al termine di una riunione dei responsabili delle operazioni di circa due ore, poco dopo le 18 è stata decisa la ripresa delle ricerche dei dispersi, limitate alla parte emersa della nave, mentre lo scivolamento della nave sembra essere rallentato a 5-10 millimetri l’ora. I morti accertati restano undici, e 21 i dispersi.

Sul piano dell’inchiesta giudiziaria, questa mattina l’avvocato di Schettino, Bruno Leporatti, aveva annunciato che presenterà ricorso contro la decisione del giudice per le indagini preliminari di assegnare gli arresti domiciliari, e che cercherà di ottenere la libertà per Schettino. Poco dopo era arrivata la notizia che anche la procura di Grosseto avrebbe presentato un ricorso al tribunale del riesame di Firenze, ma per ottenere di nuovo la custodia cautelare in carcere. Il deposito del ricorso della procura era atteso per oggi, ma in seguito è stato annunciato un rinvio “almeno a domani”, secondo le agenzie di stampa.

***

23,17 – Il comandante della Costa Concordia Francesco Schettino, la sera del naufragio alle 23,40, in una conversazione con la Capitaneria di Porto di Livorno ha detto: «Credo che rimarrò solo io a bordo. Abbiamo sbarcato quasi tutti, stiamo ancora verificando; forse devono ancora essere sbarcate due o trecento persone tra passeggeri e marittimi». Il documento audio inedito è stato trasmesso questa sera durante il programma «Quarto Grado» su Retequattro.

22,40 – Sei ricercatori dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (Ogs) di Trieste faranno domani dei rilievi sotto la chiglia della Costa Concordia. La Protezione civile ha infatti chiesto una verifica sulla struttura e sulla resistenza dello strapiombo su cui è appoggiata la nave. Per ricostruire la morfologia del fondo verrà usata una tecnica che si basa sull’invio di impulsi di onde acustiche ad alta frequenza.

22,30 – Il comandante della Costa Concordia Francesco Schettino, al telefono la sera del naufragio con Costa Crociere, avrebbe detto: «Serve un rimorchiatore, mandatemi un rimorchiatore». Inoltre avrebbe ammesso di essere passato «troppo sotto costa» affermando: «ho fatto un guaio, sono passato sotto al Giglio». Le frasi sarebbero contenute nel verbale di interrogatorio di garanzia del 17 gennaio del gip di Grosseto.

22,21 – Le operazioni di svuotamento del carburante della Costa Concordia potrebbero iniziare domani. I tecnici della Smit Salvage, l’azienda olandese incaricata, hanno finito di sistemare le panne assorbenti anti inquinamento intorno alla nave.

22,17 – La verità su quanto accaduto la sera del 13 gennaio è nella scatola nera. Ne è convinto il legale di Francesco Schettino, Bruno Leporatti: «La verità è scritta lì, verrà fuori in maniera netta, le responsabilità saranno accertate. I tabulati delle conversazioni telefoniche sull’accaduto sono lì e parlano chiaro». Solo una una parte del sistema che compone la scatola nera di Costa Concordia è stata recuperata e si trova nelle mani degli inquirenti: ha registrato solo le ultime 12 ore dell’attività sulla nave. La seconda parte si troverebbe ancora all’interno della plancia di comando e per recuperarla sarà necessario calare un operatore. La terza parte, un server, si trova invece in uno dei locali completamente immersi.

18,45 – Il più volte citato professor Nicola Casagli, ordinario di Scienze della terra all’università di Firenze, che collabora con la Protezione civile per tenere sotto controllo i movimenti del relitto, ha annunciato che lo scivolamento della nave sta rallentando rispetto alla mattina. La prua si sposta a 10 mm all’ora, contro i 15 di questa mattina, e a poppa lo spostamento è di 5 mm all’ora.

18,37 – Un esperto dello studio di architettura Bocci and Partners di San Ginesio (provincia di Macerata) specializzato in recuperi edilizi e che ha lavorato alle operazioni di recupero dopo i terremoti dell’Umbria (1997) e all’Aquila, ha spiegato all’ANSA come si potrebbe procedere per evitare l’inabissamento del relitto:

“Occorre immobilizzare il più possibile la nave; per ormeggiarla e scongiurare la minaccia degli strattoni, si prospettano due ipotesi di intervento, molto più efficaci se adottate entrambe: installare un numero sufficiente di potenti argani, ancorati anche essi nella roccia, per bloccare la nave a riva ogni qualvolta si allentano le funi per effetto delle mareggiate, e contestualmente provvedere a rimettere in tensione le stesse funi per evitare gli strattoni; in secondo luogo, tirantare lo scafo dalla parte opposta con l’uso di ancore alloggiate ai piedi della scarpata”. “È lo stesso principio – spiega l’architetto Giuseppe Bocci – delle piattaforme petrolifere galleggianti, tension legs, che vengono tenute ferme da tiranti d’acciaio di grossa sezione connessi a fondazioni sottomarine.”

18,30 – La riunione dei responsabili delle operazioni sul relitto della Concordia, che si è conclusa poco dopo le 18, ha deciso la ripresa delle operazioni di ricerca dei dispersi.

18,07 – Secondo quanto riporta l’ANSA, i sommozzatori della Polizia di Stato hanno “trovato, sequestrato e repertato” pezzi di lamiera provenienti dallo scafo della Costa Concordia, che erano rimasti nello scoglio più grande del gruppo delle ‘Scole’, davanti alla Torre Saracena dell’Isola del Giglio, contro cui aveva urtato il fianco della nave.

17,55 – Aggiornamenti sui procedimenti giudiziari a carico di Francesco Schettino: questa mattina l’avvocato di Schettino, Bruno Leporatti, aveva annunciato che presenterà ricorso contro la decisione del giudice per le indagini preliminari di assegnare gli arresti domiciliari al comandante, e che cercherà di ottenere la libertà per Schettino. Poco dopo era arrivata la notizia che anche la procura di Grosseto avrebbe presentato un ricorso al tribunale del riesame di Firenze, ma per ottenere di nuovo la custodia cautelare in carcere. Il deposito del ricorso della procura era atteso per oggi, ma poco fa è stato annunciato un rinvio “almeno a domani”, secondo le agenzie di stampa.

17,37 – L’Agenzia Spaziale Italiana starebbe per attivare il sistema satellitare italiano Cosmo SkyMed in “modalità emergenza”, in modo da fornire immagini della nave ad altissima risoluzione ogni 12 ore. La richiesta di attivare la modalità di emergenza viene dalla Protezione Civile, ma il comunicato sul sito dell’Agenzia Spaziale Italiana non chiarisce se i satelliti abbiano già cambiato impostazione. Il programma Cosmo SkyMed è sviluppato dall’ASI e dal ministero della Difesa e consiste di quattro satelliti, lanciati tra il 2007 e il 2010, che hanno come fine principale la produzione di immagini ad alta definizione per il controllo ambientale. Tra i suoi primi obbiettivi dichiarati c’è la gestione di emergenze ambientali, il monitoraggio di aree difficilmente accessibili come oceani o foreste, e la cartografia. Il sistema è in grado di scattare fino a 1800 immagini al giorno. Sul sito dell’ASI è finora disponibile una sola immagine in altissima definizione (e molto bella) dell’isola del Giglio.

17,33 – Il presidente e amministratore delegato di Costa Crociere, Pierluigi Foschi, sarà sentito dalla Commissione Lavori pubblici del Senato mercoledì 25 gennaio.

17,29 – Le foto di oggi del relitto della Costa Concordia, aggiornate.

1 2 3 Pagina successiva »