Filippo Sensi racconta il video sul ministro Fox

L'autore del blog Nomfup ha scovato un video che ha messo nei guai il ministro britannico, e ha spiegato a Repubblica la storia

Il caso delle polemiche intorno all’amicizia del ministro Fox con un businessman che abusava del ruolo del ministro, che il Post aveva descritto sabato, ha avuto un’accelerazione domenica. E come abbiamo già raccontato, ne è stato complice il blog Nomfup di Filippo Sensi, attento e competente esperto di cose britanniche e americane. A cui Repubblica.it ha chiesto di spiegare la storia.

“Only connect” predicava E. M. Forster, e così abbiamo provato a fare con questa vicenda che vede coinvolto il ministro della difesa britannico, Liam Fox. Sotto pressione dei media inglesi, Guardian in testa, per la “relazione pericolosa” con un suo collaboratore, Adam Werritty che aveva accesso diretto al ministero, distribuiva biglietti da visita che lo descrivevano come “adviser”, consigliere di Fox, e lo accompagnava in giro per il mondo.
In passato, il titolare della difesa britannica aveva negato, a fronte di una interrogazione parlamentare, che Werritty avesse mai fatto parte di una delegazione ufficiale del ministero, non avendone titolo formale. Poi, qualche giorno fa, è spuntata una foto di Fox a Colombo nello Sri Lanka, con sullo sfondo il suo ex-coinquilino e testimone di nozze. Da allora, non c’è stata pace per l’esponente tory, sotto il fuoco dell’opposizione laburista e della stampa britannica, tanto da obbligare il premier David Cameron ad esigere spiegazioni dettagliate entro lunedì.

(continua a leggere su Repubblica.it)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.