• Mondo
  • mercoledì 3 agosto 2011

Il partito di Anders Breivik

La leader della destra norvegese ha dovuto ammettere che l'assassino di 77 persone era iscritto al suo partito

Il Partito del Progresso fu fondato nel 1973, è oggi il secondo partito nel parlamento norvegese, e ha costruito un ampio consenso a partire da posizioni conservatrici, antistataliste e populiste, con un forte accento di opposizione all’immigrazione e xenofobia. Gli altri partiti ne sono stati sempre alla larga, ma il tradizionale Partito Conservatore che ne aveva a lungo preso le distanze di recente ha cominciato a fare i conti con la sua forza e l’efficacia dei suoi messaggi. Il leader del Partito del Progresso è una donna, ha 42 anni e si chiama Siv Jensen.

Oggi il Partito del Progresso ha ammesso che Anders Breivik, l’uomo che ha ucciso 77 persone in due attentati il 22 luglio scorso, è stato iscritto al partito tra il 1999 e il 2006. E gli allarmi sulle minacce musulmane pronunciati in questi anni da Jensen sono finite sotto accusa da molte parti, malgrado Jensen abbia risposto sottolineando come nello squinternato manifesto di Breivik si parlasse della sua delusione per il Partito del Progresso e si attaccassero tutti i partiti norvegesi. E negando che Breivik si sia mai fatto notare per qualsiasi attività all’interno del partito. In un’intervista al quotidiano Aftenposten Jensen è però sembrata molto sfuggente ed elusiva sulle contestazioni a proposito della retorica e del linguaggio del partito, ammettendo che ci dovrà essere un tempo per dei ripensamenti. L’unica cosa di cui si è detta ancora convinta è che la Norvegia non debba ridiscutere sulla pena di morte: “nessuno può prendersi il diritto di togliere la vita a un altro, non lasciamoci travolgere dalle emozioni”.

Tutti gli articoli sugli attentati di Oslo

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.