• Mondo
  • mercoledì 27 Luglio 2011

La Gran Bretagna riconosce il governo dei ribelli libici

Il paese ha deciso di espellere gli ultimi diplomatici fedeli a Gheddafi ancora a Londra

Il ministro degli esteri britannico William Hague ha deciso di espellere gli ultimi diplomatici fedeli al colonnello Muammar Gheddafi rimasti ancora nel Regno Unito. Il ministro, spiega il New York Times, ha poi invitato il Consiglio nazionale di transizione (CNT) dei ribelli a prendere possesso dell’ambasciata di Londra, riconoscendo i rappresentanti del CNT come gli unici legittimati a rappresentare il paese. Nel marzo scorso la Francia fu il primo paese a riconoscere il CNT come legittimo governo della Libia. La Gran Bretagna è stata l’ultima in ordine di tempo a riconoscere il governo dei ribelli. Gli Stati Uniti, oltre a un’altra trentina di paesi, avevano preso la stessa decisione già due settimane fa.

Domenica scorsa nella città di Misurata le forze dei ribelli, con l’aiuto della NATO, hanno liberato 105 civili che erano stati catturati dai fedeli di Gheddafi il 24 aprile scorso. Un ragazzo prigioniero delle truppe del colonnello ricordava il numero di telefono satellitare di un comandante della brigata Halbus, uno dei gruppi di ribelli in azione in città. I prigionieri, dopo essersi procurati un telefono, sono riusciti a contattare uno dei soldati della brigata, racconta il Guardian. All’alba di domenica i militari, dopo un breve scontro armato, sono riusciti a rintracciare i prigionieri e liberarli.