• rassegna
  • Questo articolo ha più di undici anni

Le sentenze su Pisapia

La smentita formale alle accuse di Letizia Moratti

Giuliano Pisapia ha messo online sul suo sito alcune pagine delle sentenze relative all’accusa di cui lui stesso aveva raccontato nei mesi scorsi e che oggi gli è stata rinfacciata dalla sua avversaria nelle elezioni per il sindaco di Milano Letizia Moratti.

È evidente che Letizia Moratti è disperata. Fidandosi di qualche manina sporca che fabbrica dossier ad arte è incappata in un clamoroso errore. Ha diffamato Giuliano Pisapia alla fine della registrazione del confronto su Sky TG24, pensando di approfittare come in un agguato del diritto di parlare per ultima.
Letizia Moratti ha accusato Giuliano Pisapia di essere responsabile di un furto, citando una sentenza della Corte d’Assise, che dichiarava il reato estinto per amnistia. Nonostante l’amnistia, Giuliano Pisapia presentò appello, accolto. La III Corte d’Assise d’Appello di Milano presieduta dal dott. Luigi Maria Guicciardi nel procedimento n.76 del 1985 ha assolto Giuliano Pisapia per non aver commesso il fatto. La sentenza recita alle pagine 1562 e 1563: “In conclusione non vi è prova – né vi sono apprezzabili indizi – di una partecipazione del Pisapia, sia pure solo sotto il profilo di un concorso morale, al fatto per il quale è stata elevata a suo carico l’imputazione di furto, dalla quale l’appellante va pertanto assolto per non aver commesso il fatto”.
Tale sentenza di assoluzione con formula piena è passata in giudicato ed è quindi definitiva.