• Mondo
  • mercoledì 16 marzo 2011

Wikileaks sulle centrali giapponesi

L'Agenzia internazionale per l'energia atomica aveva avvisato il governo giapponese dei rischi due anni fa

Gli esperti lamentavano scarsi aggiornamenti sulla sicurezza e avvisavano del pericolo terremoti

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) aveva avvisato già due anni fa il Giappone che le sue centrali nucleari non sarebbero state in grado di reggere un terremoto su vasta scala. La notizia è arrivata da uno dei documenti riservati ottenuti da Wikileaks, pubblicato oggi dal quotidiano britannico Telegraph. Nel rapporto, redatto dai diplomatici americani, si legge che durante una riunione del G8 a Tokyo nel dicembre del 2008, un esperto della IAEA aveva espresso le sue preoccupazioni sulla sicurezza degli impianti nucleari giapponesi, dicendo che i controlli non erano stati eseguiti con la necessaria regolarità.

L’esperto ha spiegato che gli aggiornamenti sulle misure di sicurezza sono stati effettuati soltanto tre volte negli ultimi trentacinque anni e che la IAEA sta ora riesaminando gli impianti. Ha anche fatto notare che le recenti scosse sismiche in Giappone hanno già superato i limiti di sicurezza previsti per alcuni dei reattori nucleari e che il fatto costituisce un grosso motivo di allarme.

Nel documento si legge anche che il governo giapponese si era opposto alla sentenza di un tribunale che aveva ordinato la chiusura di una centrale nucleare per motivi di sicurezza. La sentenza diceva che l’impianto non sarebbe stato in grado di reggere un terremoto superiore a magnitudo 6.5 e che in caso di un conseguente incidente le persone residenti nell’area sarebbero state esposte a radiazioni nucleari. Il terremoto che ha colpito il Giappone venerdì scorso è stato di magnitudo 9. Il governo decise comunque di ignorare l’avvertimento e riuscì a ribaltare la sentenza nel 2009, mantenendo l’impianto in funzione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.