• martedì 1 febbraio 2011

I problemi del premier slovacco, Iveta Radicova

Combattiva e determinata, è però alle prese con qualche grana nel paese e all’estero

Il primo ministro slovacco Iveta Radicova sta affrontando una fase di debolezza e perdita di consensi. Oltre a questo, spiega l’Economist, non ha una posizione forte all’interno del suo partito, del quale non è neanche il capo, e deve tenere a bada malumori e litigi nella coalizione di governo di centro-destra, formata da quattro partiti. Tutto ciò nonostante avesse cercato di porsi, rispetto al precedente governo, come paladina dell’austerità e della lotta alla corruzione: ha messo online tutti i contratti della pubblica amministrazione e rimosso tre giudici della Corte Suprema accusati di essere troppo morbidi sul tema. Radicova si è guadagnata qualche antipatia anche all’interno dell’Unione Europea, in particolare per il suo rifiuto agli aiuti alla Grecia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.