• domenica 30 gennaio 2011

Le riforme elettorali del Giappone

Ragioni di costituzionalità, ma anche calcoli politici dietro alla possibile riduzione del numero dei membri della Camera dei Consiglieri

In Giappone c’è aria di riforma elettorale. Parte dei 242 membri della Camera dei Consiglieri (la camera alta) sono eletti direttamente dalle 47 prefetture del paese, mentre altri vengono scelti secondo un metodo proporzionale. Le prefetture però hanno popolazioni numericamente molto differenti, e si teme che questa sproporzione sia incostituzionale. Dietro c’è anche la riforma del sistema della sicureza sociale e l’ipotesi di aderire all’Accordo strategico Trans-Pacific, che sarebbe ostacolato proprio dalle prefetture più piccole e rurali, quelle che nell’attuale sistema hanno un numero di rappresentanti sovradimensionato. Inoltre, il costo delle riforme potrebbe anche richiedere un taglio al numero di parlamentari. Alcune ipotesi prevedono di portarli a 200, o addirittura a 100.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.