• Mondo
  • venerdì 15 ottobre 2010

“Cibi che non daremmo mai ai nostri figli”

Medici Senza Frontiere accusa i paesi ricchi di inviare ai paesi poveri alimenti sotto gli standard nutrizionali

Il problema riguarda soprattutto i bambini sotto i due anni, a cui non bastano cereali e soia

L’organizzazione umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF) ha accusato diverse nazioni ricche — tra cui Stati Uniti, Unione Europea, Canada e Giappone — di inviare ai paesi poveri alimenti che non soddisfano gli standard nutrizionali internazionali. Rilevamenti scientifici, scrive MSF, hanno dimostrato che gli alimenti con valori nutrizionali troppo bassi riducono poco o nulla il problema della malnutrizione, in particolare per quanto riguarda bambini e donne.

“Inviano cibi che non daremmo ai nostri figli come aiuti alimentari per i bambini che soffrono di malnutrizione nell’Africa sub-sahariana e in diverse parti dell’Asia”, ha scritto il presidente di MSF Unni Karunakara. “Bisogna smetterla con questo doppio standard.”

L’accusa arriva a poche ore dalla Giornata Mondiale dell’Alimentazione che si terrà domani 16 ottobre. MSF ha scritto una lettera aperta al governo degli Stati Uniti, indirizzata al segretario di Stato Hillary Clinton, al direttore dell’Agenzia per lo Sviluppo Internazionale Rajiv Shah e al segretario dell’Agricoltura Tom Vilsack. Nella lettera, la direttrice esecutiva di MSF Sophie Delaunay riconosce l’apporto degli Stati Uniti, che da soli provvedono a metà degli aiuti alimentari mondiali, ma ne lamenta l’inadeguatezza rispetto ai bisogni delle persone che li ricevono. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i composti di soia e cereali come il CBS (Corn-Soya Blend, un mix di mais e soia) inviati nei paesi poveri sarebbero quasi inefficienti a combattere la malnutrizione di un bambino sotto i due anni.

La malnutrizione colpisce circa 195 milioni di bambini in tutto il mondo — la cui maggior parte vive in territori in cui non si stanno svolgendo guerre — ed è responsabile di circa un terzo degli 8 milioni di morti infantili che avvengono ogni anno. I leader mondiali sono lontani dall’obiettivo fissato nel 1990 di dimezzare il numero di persone malnutrite entro il 2015. Diversi paesi dell’Asia del sud dell’Africa subsahariana come Ghana, Etiopia e Angola hanno fatto molti passi avanti, ma sono casi isolati rispetto a tutto il mondo. Secondo le Nazioni Unite, due terzi delle persone malnutrite vivono in soli sette paesi: Bangladesh, Cina, India, Indonesia, Pakistan, Congo ed Etiopia.

La mappa dei paesi sottoalimentati, secondo i dati ONU e FAO

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.